News Anime e Manga (10\11\13 – 17\11\13)

– Ormai è sempre più consueto parlare di Shingeki no Kyojin e dei suoi successi, ma è impossibile non citare un atro importantissimo traguardo di una sua opera parallela: difatti anche Shingeki no Kyojin Gaiden: Kuinaki Sentaku (L’attacco dei Giganti: nessun rimpianto), lo spin-off dedicato al passato di Levi, grazie all’ incredibile successo avuto dal suo prologo sarà serializzato a partire dal 28 Novembre.
La storia è disegnata da Hikaru Suruga e sceneggiata da Gan Sunaaku. La rivista Aria aumenterà del 500 percento la sua tiratura, una cifra da capogiro, viste le proiezioni che vedono questo nuovo manga andare letteralmente a ruba. Sicuramente non sarà l’ultima volta che parleremo del capolavoro di Isayama.
– Nell’ultimo numero della rivista Ultra Jump è stato annunciato che nel mese di Aprile verrà mandato in onda il continuo di Jojolion.

 – Brutte notizie per i fan australiani di Kill la Kill: difatti i server del simulcast sono stati ripetutamente violati, con la conseguente pubblicazione di puntate che ancora dovevano essere trasmesse in Giappone, questo ha portato alla decisione di non trasmettere più, tramite il simulcast, le puntate in Australia
Oregairu è stata nominata la miglior light novel dell’anno dalla rivista Kono Light Novel ka sugoi! La vittoria è avvenuta grazie a dei sondaggi online e a delle interviste ai scrittori del campo.
 – Nel 50° numero annuale di Weekly Shonen Jump è stato annunciato che il manga Baby Steps, di Hikaru Katsuki, avrà la sua trasposizione in anime, più precisamente sarà trasmesso dall’emittente NHK.
 – Curiosa e interessantissima notizia: il celebre regista Guillermo del Toro, che non ha mai nascosto la sua passione per i manga e gli anime, il 13 Dicembre al Toronto International Film Festival inaugurerà una retrospettiva dedicata al sommo maestro Miyazaki. Essa durerà fino al 4 Gennaio 2014 e durante la sua presenza terrà una master class durante la quale verrà proiettato Laputa: il castello nel cielo, la cui visione sarà seguita dai commenti del regista.

 – Ottima notizia per i fan di Soul Eater: è stato difatti annunciato che ci sarà l’anime di Soul Eater Not! manga spin-off che parla della vita di Tsugumi Harudori, un’altra studentessa della Shibusen. Le premesse sono sicuramente ottime e sicuramente varrà la pena di dargli un’occhiata.
 – Parliamo di Watamote: il celebre manga e anime sta avendo sempre più successo, ma questo non deve per niente piacere alla rivista Bessatsu Friend, difatti stanno cercando ogni stratagemma per cambiare gli equilibri delle vendite, ma in che modo? Entriamo nel dettaglio: il manga Kageno datte seishun shitai vedrà un notevole cambiamento nella trama, con la protagonista divenire la fidanzata di un “avvenente” ragazzo; per quanto riguarda Watashi ga Motete Dousunda vedremo, anche qui, una novità legata alla trama, più precisamente assisteremo alla completa trasformazione della protagonista, che diverrà una “bellissima ragazza”. Chissà se davvero tutto questo avrà delle conseguenze sull’andamento di Watamote o se sarà un buco nell’acqua.
 – Doraemon diventa 3D! È in lavorazione Stand by me Doraemon che sarà interamente realizzato in computer grafica, da un progetto diretto da Takashi Yamazaki e Ryuichi Yagi. Questa nuova trasposizione di Doraemon sarà in cinema nel 2014 e si baserà sul primo episodio del manga (“Tutta la strada del paese futuro”) e da altri due episodi celebri (“Addio, Doraemon” e “La notte prima del matrimonio di Nobita”). Questo importantissimo evento sarà anche una nobile scusa per celebrare al meglio gli 80 anni dalla nascita dei suoi creatori: Hiroshi Fujimoto (defunto nel 1996) e Motoo Abiko.
Alex Ziro
Annunci

Bakuman: la strada per diventare mangaka!

Dai, alzi la mano chiunque abbia, almeno una volta, sognato di voler diventare un giorno mangaka! Ok, ora potete pure abbassarle, e per le persone che non sappiano chi sia un mangaka la spiegazione è presto detta: colui che crea un fumetto o più precisamente un manga. 
Naturalmente è chiaro che l’opera di oggi è Bakuman, manga e anime abbastanza famoso, forse più per le firme che porta che per la sua effettiva qualità, ma di questo ne parleremo nel dettaglio in queste righe. Innanzitutto: per quale motivo questa premesse sulle firme? Perché Bakuman è figlio di due autori conosciutissimi ai più, anche dall’acerbo pubblico italiano, ovvero Tsugumi Ohba e Takeshi Obata, acclamati in tutto il mondo per Death Note; preciso che non voglio dire che Bakuman sia una serie mediocre o che meriti ben poco, semplicemente la sua fama lo precede molto spesso per via del nome dei propri autori, anche se è d’uopo ammettere che come sempre questa è un’arma a doppio taglio, capace di darti un successo iniziale veloce ma che aumenta in modo altissimo le aspettative dei tuoi lettori. 
Azuki, la santa
Entriamo nello specifico del manga: la storia inizia quando Mashiro Moritaka frequenta ancora le medie, è innamorato follemente della sua amica Azuki Miho (che vorrebbe diventare una doppiatrice) ma non ha il coraggio di dichiararsi; l’unica cosa che riesce a fare è disegnare il suo volto finché un suo compagno, Takagi Akito, vedendo questi disegni cerca ogni modo per convincerlo di diventare un mangaka insieme a lui… long story short: ci riesce e Mashiro, preso dall’impeto di questo suo nuovo obiettivo dichiara ad Azuki il suo amore, venendo ricambiato, però aggiungendo che potranno mettersi insieme solo quando lui farà un anime che lei doppierà. 
La storia presenta tutti i canoni basilari per una narrazione lineare: abbiamo la sfida, il premio e i protagonisti; chi è l’antagonista? Non che sia veramente un antagonista ma Niizuma Eiji è sicuramente il loro rivale, un genio (nel mondo di Bakuman viene implicitamente paragonato ad autori come Toriyama e Oda) che ha la stessa età dei due protagonisti ma che subito centra il successo. 

Niizuma Eiji, sicuramente uno dei personaggi  più interessanti
Uno dei punti più interessanti di Bakuman è senza dubbio il suo mostrare i meccanismi di Shonen Jump (rivista fondamentale nel settore, in questo manga rinominato Shonen Jack): mostra come vengono scelti i manga da pubblicare e serializzare, tutto l’immenso lavoro che c’è dietro ad ogni suo componente e il mondo degli editori. Così come è molto interessante notare nel dettaglio il lavoro degli Ashirogi Muto (lo pseudonimo di Takagi e Mashiro), dai più vari tecnicismi (quali strumenti usare), alle varie logiche che possono far propendere per uno stile piuttosto che per un altro. 
La critica più diffusa è che viene mostrato, secondo alcuni, il tutto in un modo troppo semplice, quasi come se quello del mangaka fosse un lavoro che non richiede particolari sforzi; a mio avviso invece viene mostrato la vita di due ragazzi che passano ogni giorno a disegnare e a scrivere, che se non avessero trovato l’amore per pura fortuna, sarebbero probabilmente morti da soli, vista la completa mancanza di vita sociale (esclusa la cerchia di mangaka che frequentano); credo che, nonostante l’ovvia esagerazione nei toni narrativi, viene mostrato bene lo sforzo immane che si deve fare per aver successo, ricordando comunque che parliamo di veri e propri geni del settore, che hanno avuto pure la fortuna di trovare un editor, il signor Hattori, che avrebbe letteralmente dato la vita per loro, quindi di certo siamo ben lontani dalla volontà di parlare del “mangaka medio”: viene presa in considerazione solo una particolare realtà, sarebbe eccessivo pretendere di più per certi versi.

Lontra n. 11, esempio di meta-manga
Quindi tutto bello e carino in Bakuman? No. Ci tengo a sottolineare che il romanticismo di Mashiro spesso, ok sempre, supera lo stucchevole, rendendo soprattutto l’inizio dell’opera alla stregua di uno shojo, ma cercando di andare oltre possiamo sicuramente dare una nota di merito agli autori per il loro lavoro. Si son ritrovati a dover costruire una serie di meta-manga (manga dentro manga) con stili diversi, raccontando in modi, magari lontani da loro , delle storie create da “altri” autori all’interno della storia, per cercare di ricostruire, nel modo più fedele possibile, la realtà di Shonen Jack (e non solo), presentando molti autori diversi, molti disegnatori diversi e molti manga diversi. Probabilmente troppi

Effettivamente si ha la sensazione che il manga arrivi ad un punto di non ritorno, col senno di poi ci si rende conto che sono stati infilati troppi elementi: storie secondarie che vengono sviluppate molto sommariamente, personaggi creati, messi a fuoco con precisione chirurgica e poi lasciati a marcire chissà dove, mentre nel mezzo della storia passano anni con una velocità strabiliante (una cosa che non ho apprezzato particolarmente ma probabilmente necessaria).
Una storia difficilmente criticabile su un lato puramente artistico, che sa trasmettere emozioni, ed è comunque, ripeto, da lodare l’iniziativa di Ohba e Obata (nonostante non siano stati i primi a proporla), ma Bakuman è difficilmente considerabile come un’opera perfettamente riuscita: è una storia d’amore dai toni settecenteschi? È un dossier, pieno di dettagli inutili, che spiega il mondo dei manga? O semplicemente è il modo che hanno avuto i due autori di rivivere le loro carriere, pseudonimo compreso? Vi potrei magari dare più delucidazioni in merito, ma in fin dei conti è un manga che consiglio di leggere e un anime (75 episodi) che consiglio di vedere, anche perché nonostante tutto… alzi la mano chiunque abbia, almeno una volta, sognato di voler diventare un giorno mangaka! Ecco, infatti.
Alex Ziro

Pausa di una settimana per One Piece

Questo lunedì sul numero 29 del Weekly Shonen Jump magazine della Shueisha di quest’anno è stato annunciato One Piece di Eiichiro Oda non sarà presente sul numero successivo. Fortunatamente il manga tornerà regolarmente sul numero 31 della rivista. Nelle note dell’autore del n° 29 Oda spiega come abbia deciso di disegnare ad un ritmo meno frenetico mentre attende il suo pieno recupero. ovviamente con il benestare del suo editore.

Il manga era già mancato sui numeri di Weekly Shonen Jump del 27 maggio e del 3 giugno, in quanto Oda era stato ricoverato per un ascesso peritonsillare, una complicazionedi un’infezione frequentemente causata da una tonsillite.