Time lapses, gravidanze e stop motions: 9 mesi in pochi minuti.

Ci sono tanti modi per raccontare una gravidanza fotograficamente, ma di sicuro i Time Lapse e gli Stop Motion sono i più indicati per racchiudere in pochi minuti 9 mesi di esperienze ed emozioni.
Così, con uno scatto al giorno del pancione della mamma ed assemblando pazientemente nove mesi di scatti, tanti neo papà raccontano l’attesa per la nascita del pargoletto.
Un fenomeno in costante aumento, perché il mondo è social, si sa, e così bisogna mostrare al mondo intero e non solo ai parenti “la gioia di mamma e papà”
Scattare foto durante la gravidanza può diventare un bellissimo progetto fotografico per entrambi i coniugi, quindi se avete ricevuto la buona notizia che state per diventare genitori, e volete documentare il vostro “viaggio”, ecco alcuni dei video più creativi trovati in giro per il web.

              [blip.tv http://blip.tv/play/grcT5eRAAg?p=1 width=”550″ height=”443″]

Se avete in mente di affrontare un progetto come questo, cercate di dare un punto di originalità: avrete un  ricordo del periodo della gravidanza per tutta la vita, e potrete mostrarlo al bambino quando crescerà.

S. Alessandra Severino: Flickr

Annunci

Hyper drive Yurikamome, un time lapse futuristico realizzato in Giappone

In Hyper drive Yurikamome, darwinfish105, l’autore del Time-lapse, ha utilizzato effetti specchio combinati a fotografie a lunga esposizione, con un risultato finale particolarmente suggestivo.

Il punto di ripresa è la linea ferroviaria automatizzata di Yurikamome, che collega Shimbashi a Toyosu e che attraversa il Rainbow Bridge dell’isola di Odaiba, un isolotto artificiale della baia di Tokyo.
La particolarità di questa linea è l’assenza di un conducente, ed è anche una delle più spettacolari della città per le stupende viste che regala.
Il time-lapse è stato realizzato con una Panasonic DMC-GH3, usando la modalità di scatto continuo, con velocità di esposizione di un secondo. Durante il giorno è stato utilizzato un filtro di densità neutra ND400 e durante la notte una regolazione ISO pari a 400. L’effetto specchio è stato ottenuto con Adobe Premiere.

S. Alessandra Severino: Flickr