Mediaset Infinity: film e serie TV in streaming

Mediaset ha appena lanciato il nuovissimo servizio streaming Infinity, grazie al quale gli utenti possono accedere a più di 5000 titoli tra film e fiction. Per soli 10€ al mese si avrà la possibilità di visionare tutti i titoli, sia in lingua originale che in italiano, anche su più dispositivi e in HD (banda permettendo).
Chi non ha intenzione di pagare l’abbonamento mensile potrà pagare i titoli singolarmente.
Queste erano le promesse iniziali. In realtà, invece, con il solo abbonamento da 10€ non si ha accesso a tutti i 5000 titoli ma solo a parte di essi. Infatti per i titoli migliori si dovrà sborsare una cifra dai 2 ai 5€ l’uno avendo la possibilità di visionarlo per 48 ore.
Mediaset offre 15 giorni di prova gratuita senza alcun obbligo di abbonamento anche se durante la registrazione vi chiederà i dati per i pagamenti che saranno utilizzati solamente per assicurarsi che una sola persona non crei più account. Dovrete però ricordare di disattivare il rinnovo automatico nella sezione “My Infinity”. Ovviamente sarà possibile disdire l’abbonamento in qualsiasi momento e senza incorrere in nessuna penale.
Il nuovo servizio di video streaming al momento è compatibile con PC (Vista e successivi), Mac (Mac OS 10.6 e successivi), dispositivi Android (4.0.3 e successivi), iPad (da iOS 5.1 in poi), Smart TV, Playstation (PS3, PS4), Decoder (Digitale Terrestre e Satellitare) provvisti di connessione a Internet. Mentre il debutto su smartphone è atteso nei prossimi mesi.
Non resta che attendere l’arrivo di SKY River, servizio simile ma di proprietà della rivale SKY, dopo di ché sarà battaglia di tariffe.

Annunci

Lezioni in streaming: Baricco e la rinascita della Scuola Holden

Venerdì 8 novembre è stata trasmessa Una notte con Lolita, la prima lezione in streaming tenuta da Stefano Benni dalla Scuola Holden di Torino. 
Lezione? Streaming? Sì, è questo l’innovativo progetto pedagogico che fa capo ad Alessandro Baricco, il quale ha rilanciato circa un mese fa la Scuola Holden da lui fondata ne 1994 per gli amanti della narrativa in tutte le sue varianti.
Chiamate Milton Class, le lezioni virtuali permettono a chiunque di partecipare, al costo di 7 euro (e anche meno) si interagisce proprio come in una classe reale, rispondendo alle domande del “professore” e prendendo appunti. A tenerle sono artisti stimati: Alessandro Baricco, Stefano Benni, Mario Brunello e Gabriele Vacis mettono a disposizione la propria voce – musica nel caso di quest’ultimo – per dare vita alle opere da loro scelte, insieme all’aiuto di set e sfondi adeguati.

La prima puntata, trasmessa dalle 22 alle 4 del mattino seguente, è stata appunto una lezione notturna su Lolita, il romanzo di Nabokov tanto amato da Benni il quale non si propone tanto di spiegare l’opera quanto di poter offrire, a chi lo sta seguendo e sta interagendo con lui, un viaggio unico tra le sue pagine.

I prossimi appuntamenti sono con il violoncellista Mario Brunello che suonerà Bach nello scenario delle Dolomiti il 18 novembre, con le fotografie di Alessandro Baricco che verranno mostrate il 25 novembre, e con Gabriele Vacis e la sua lezione su Luigi Meneghello (Leggere il Novecento: Meneghello) il 13 dicembre.

Martina Sperduti

Il ritorno di Napster in Europa come servizio di musica in streaming

Rimani aggiornato sulle ultime news di tecnologia, seguici dalla pagina Facebook: Tecnologia News 

Dopo più di un decennio Napster è tornato! Disponibile in Italia e in altri 13 paesi europei, ma questa volta cambia forma, è diventato un servizio di musica in streaming a pagamento.

Per le nuove generazioni che non lo conoscono Napster è nato alla fine degli anni ’90 negli USA come un servizio di P2P. Il suo funzionamento si basa sulla semplice condivisione di musica, semplice come un motore di ricerca, bastava cercare una canzone e subito partiva il download in formato MP3.
Dopo il blocco negli Stati Uniti, seguito da molteplici cause legali da parte delle case discografiche il marchio è stato acquistato da Roxio nel 2002, che lo ha venduto a Best Buy nel 2008 per 121 milioni di dollari. Infine, due dei più grandi nomi dell’industria della musica digitale: Rhapsody e Napster si sono uniti nel 2011 per far fronte comune contro i loro nuovi rivali: Spotify, Rdio e MOG.
Oggi Napster è legale, il suo catalogo vanta più di 20 milioni di canzoni ed il costo di un abbonamento è di 9,95 € al mese.
Si può accedere a un contenuto in streamig tramite il web o l’app per dispositivi mobili. Napster offre anche contenuti extra come ad esempio notizie, interviste ecc… inoltre l’utente ha la possibilità di scaricare la musica sul cellulare e ascoltare musica anche offline!
Vi consigliamo di leggere il seguente articolo: Film e Musica in Streaming, legalmente si può fare!