Foo Fighters: grande ritorno a dicembre con il primo live a Città Del Messico

Si preannuncia un dicembre caldo per i Foo Fighters che hanno annunciato la loro prima data sold out a Città Del Messico, allo stadio Foro Sol, prevista per l’11 dicembre. Lo stesso Dave Grohl su facebook ha pubblicato la foto di una chitarra insanguinata con messaggio al seguito “Prima prova durata troppo a lungo. Attento Messico”. Nell’ottobre del 2012 il rocker aveva dichiarato che la band statunitense si sarebbe presa un periodo di pausa. “ Non so quando suoneremo di nuovo” aveva affermato Grohl.
Il riposo però è durato ben poco. Nel numero di agosto di Rolling Stone il chitarrista Chris Shiflett ha detto che il gruppo era già al lavoro per la realizzazione di un nuovo disco, che dovrebbe uscire all’inizio del prossimo anno. “E’ stata una breve pausa” ha dichiarato Shiflett, e anche Grohl ha confermato l’intenzione della band di pubblicare un nuovo album dopo Wasting Light uscito nel 2011. Nel frattempo Dave Grohl si è esibito per il concerto di beneficienza per le vittime dell’uragano Sandy lo scorso anno il 12-12-12, insieme a Paul McCartney (nei panni di Kurt?!) e all’ex compagno dei Nirvana il bassista Krist Novoselic e Pat Smear, con cui ha anche diretto il film documentario “Sound City “ relativo alla chiusura degli Sound City Studios di Los Angeles, dove tra l’altro i Nirvana registrarono Nevermind; e si è dilettato a suonare la batteria con i Queens Of The Stone Age per il loro nuovo album “Like ClockWork”.
E in Italia? Dopo lo strepitoso ultimo concerto avvenuto a Villa Manin (Udine) nell’agosto del 2012, restiamo in attesa per l’ufficialità del nuovo tour nel 2014 in cui è prevista una data anche da noi. Non ci resta che incrociare le dita!
Annunci

Il grunge è nato con i Nirvana?

Quante volte, seduti sulle vostre sedie, tranquilli e beati, avete visto condividere su facebook “Smells like teen spirits” da qualche sedicente sedicenne rocker con accompagnato il commento “Hanno inventato un genere”?

Ebbene sì, parliamone. Vi preavviso subito che questa NON è una critica ai Nirvana, gruppo che ritengo valido e importantissimo.
In questo articolo, al contrario, cerco di far conoscere ai più un’altra band fondamentale e spesso lasciata abbandonata a se stessa negli ambienti più underground e “musicofili”: il grunge non nasce negli anni ’90. Come tutti i generi e i movimenti musicali moderni ha tantissimi precursori. Tra questi, il gruppo che ha stabilito le basi in maniera più accurata e canonizzante sono stati senza dubbio i Dinosaur Jr.

Attivi dal 1983, i Dinosaur Jr pubblicano nel 1985 il loro primo album, “Dinosaur”. La decadenza adolescenziale, il suono corrotto e il senso di vuoto, tipiche caratteristiche del movimento novantino, appaiono già ben chiare dalla prima traccia di questo manifesto, “Forget the swans”. Tuttavia le influenze puramente hardcore punk e noise sono ancora troppo evidenti perché si possa definire questo album (comunque interessante e importante) come il “natale del Grunge”. Ad essere effettivamente un’indiscutibile genesi del genere sarà, infatti, il loro secondo album, “You’re living all over me” (1987) L’importanza e l’avanguardia di questo album, manifesto di un genere quanto di tutto il malessere che lo precede, portano i Dinosaur Jr ad essere un dei gruppi più importanti degli ultimi 30 anni. Cavalcando delusioni adolescenziali con la delicatezza distorta che sarà tòpos del sound grunge seattliano (grazie soprattutto alle sperimentazioni volute dal chitarrista, Mascis), i Dinosaur Jr con grande anticipo colgono il disagio giovanile tipico che sarebbe stato percepito da un’intera generazione negli anni ’90.

Spesso inseriti tra i gruppi più importanti del noise e dell’indie anni ’80, bastano pochi ascolti riflessivi per capire quanto i suoni di “You’re living all over me” abbiano in realtà influenzato e anticipato la scena seattloniana, cavalcata poi da gruppi come i Nirvana. Consiglio profondamente a tutti i lettori di dare una chance a questa band. Inserisco qui sotto uno dei pezzi più rappresentativi.