Dubai come non l’avete mai vista, grazie a Daniel Cheong

Molte volte, durante le nostre uscite fotografiche, ci ritroviamo a lamentarci di condizioni meteo non ideali per le fotografie che abbiamo in mente. Ciò di cui non ci rendiamo conto, invece, è che anche quando il clima è diverso da quello sperato ci sono una infinità di occasioni fotografiche a nostra portata e che è necessario allenare costantemente l’occhio per riconoscerle.

Chi non ha bisogno di fare esercizio è certamente Daniel Cheong, un esperto di telecomunicazioni ed affermato fotografo originario delle Mauritius che ha fatto dell’uso creativo del meteo un suo segno di riconoscimento. Tra le varie immagini che potete visionare sul suo profilo 500px o Flicker, oggi ve ne proponiamo due che permettono di apprezzare Dubai come non l’avete mai vista. In entrambi i casi, l’uso sapiente della tecnica HDR (High Dynamic Range) e della composizione hanno consentito di catturare l’affascinante città degli Emirati Arabi Uniti in una maniera così originale che viene difficile associarla all’arido clima della regione. Grazie a Cheong, vediamo l’inospitale deserto trasformarsi in un’oasi di vita illuminata dal basso ed ammantata da un velo di nebbia.

Entrambe le immagini sono state scattate con una Nikon D800 e mostrano come, insieme alla tecnica fotografica, la scelta di un punto di vista fuori dal comune contribuisca enormemente alla riuscita di uno scatto, sia esso un paesaggio naturale o cittadino.
E voi come vi comportate quando vi ritrovate a fotografare in condizioni meteo diverse da quelle che avevate in mente? Raccontatecelo lasciando un commento usando il box più in basso o condividete le vostre fotografie scattate con un meteo avverso!
Daniele è fotografo e fondatore dello Studio Fotografico inFocus di Roma. Se volete saperne di più sulle attività ed i corsi organizzati dallo Studio inFocus visitate il sito www.studioinfocus.it oppure mettete “Mi piace” alla pagina Facebook per rimanere facilmente aggiornati sulle attività e sui contenuti pubblicati regolarmente sul sito dello Studio inFocus!
Annunci

Nikkor AF-S 58mm f/1.4, DxOMark mette ‘sotto esame’ il nuovo obiettivo Nikon

Gli specialisti della “DxOMark”, hanno provato l’obiettivo Nikkor AF-S 58mm f/1.4, ottica di fascia alta per Full-Frame, di casa Nikon.

Il test effettuato e tutte le immagini sono di proprietà di DxOMark, vi rimandiamo al link del sito in alto per visualizzare l’intero test e le opinioni.

Per il test sono stati usati due corpi macchina di riferimento, la Nikon D800 e la D7000, registrando i valori di definizione, aberrazione cromatica, vignettatura e distorsione prospettica e cercando di capire come variano al variare dell’apertura del diaframma. 
Test sulla definizione, aberrazione cromatica, vignettatura e distorsione prospettica su Nikon D800

Sulla D800 la definizione, ad apertura massima del diaframma, non è particolarmente alta con piccoli cali ai bordi che si risolvono chiudendo progressivamente il diaframma, fino a scomparire del tutto da f/11 in poi.

Per gli altri aspetti il 58 mm si comporta davvero bene, l’aberrazione cromatica è bassa e, persino senza eventuali correzioni via software, non rappresenta un problema. La vignettatura si manifesta con un leggero calo di luce ai bordi,  ma solo ad apertura massima di diaframma. Infine è presente un accenno di distorsione “a barile” che può essere corretta con una leggera post-produzione . 

Gli stessi test sui vari parametri, ripetuti su Nikon D7000

Sulla D7000 l’obiettivo si comporta in maniera molto similare. Definizione non alta ad apertura massima con lo stesso calo ai bordi anche se qui si risolve già da f/8 in poi. Aberrazione cromatica al minimo come anche per vignettatura e distorsione.

Infine è stato condotto un ulteriore test comparando il 58 mm con il Nikkor AF-S 50mm f/1.4

Test comparativi con il Nikkor Af-s 50mm f/1.4

La comparazione ha restituito dei risultati molto simili non rendendo possibile privilegiare nessuna delle due ottiche. L’unica differenza è il prezzo che per  il 58 mm si aggira intorno ai 1950 euro, in vendita dall’inizio di novembre con paraluce e custodia morbida, mentre il 50 mm si attesta sui 300 – 400 euro.