Libro o maglietta? La strana invenzione di Danny Fein

“To me, each poster I design, print, roll, and ship signals that love for literature is stronger than ever.” 
Negli ultimi anni si è spesso discusso riguardo la celebre lotta tra i libri su carta e gli e-book, considerando i pro e i contro di ognuno dei due. Sono in molti a non apprezzare i nuovi formati digitali, ma l’idea più originale per preservare le parole stampate viene dal Massachusetts, dove Danny Fein, avvicinatosi all’arte della litografia insieme al fratello Corey, ha deciso di stampare i grandi classici della letteratura su delle magliette, in modo da poter portare letteralmente sempre con sé le proprie opere preferite. Il testo completo copre ogni centimetro della maglia e, pur essendo di piccole dimensioni, è perfettamente leggibile. Un’altra particolarità di queste t-shirt è il disegno – a colori o in bianco e nero – che, formato anch’esso dalle parole dell’opera, rappresenta un’immagine legata alla trama del libro. Il testo è copiato rigorosamente in modo integrale, con l’eliminazione di alcune piccole parti solo in caso di taglie piuttosto piccole; le magliette sono sia unisex che da donna, di varie misure e colori.
Ventimila leghe sotto i mari
Questo insolito progetto dei libri stampati su stoffa è nato nel 2011 grazie ai finanziamenti (circa 3.000 dollari) fatti in prima persona da Danny Fein e contava inizialmente solo pochi titoli. Da aprile 2012 il programma si è espanso con la creazione di due nuove opere stampabili ogni settimana e, una volta ottenuto un discreto successo, Danny ha poi creato, con l’aiuto Steve Walters della Screwball Press, una linea di poster serigrafati, sempre rappresentanti i capolavori della letteratura mondiale. I poster, sia a colori che in bianco e nero, sono di varie misure, dai più piccoli di 18×24 pollici ai più grandi di 36×54, che vengono usati soprattutto per i testi più lunghi. 
Orgoglio e pregiudizio
Attualmente il progetto delle t-shirt e dei poster serigrafati è ancora attivo sul sito di Danny Fein, soprattutto grazie alla collaborazione di vari artisti, grafici e disegnatori provenienti da tutto il mondo. I poster e le magliette hanno ottenuto un così grande successo che il mercato si è ultimamente espanso anche a delle borse, dove vengono rappresentati con la stessa tecnica i più famosi classici. 
Alice nel Paese delle Meraviglie
Tra i maggiori titoli (ovviamente in lingua inglese) presenti sul sito è possibile trovare opere come Alice nel Paese delle Meraviglie, Ventimila leghe sotto i mari, Frankenstein, L’origine delle specie, Don Chisciotte, Madame Bovary, Il grande Gatsby, Moby Dick, Le fiabe di Andersen, Canto di Natale, Pinocchio, Anna Karenina, Emma, Il giro del mondo in ottanta giorni, Dracula, Delitto e Castigo, Gente di Dublino, Amleto, I miserabili e molti altri ancora. 
Dracula
DOVE TROVARE I CLASSICI DELLA LETTERATURA AL MIGLIOR PREZZO:



SE VUOI ACQUISTARE ALTRI LIBRI CERCALI SU AMAZON!

Annunci

La potenza di Photoshop e la sua importanza nella fotografia di moda e pubblicitaria

Premetto che questo non è un articolo critico su Photoshop, ormai si è già detto tutto su questo argomento. Anzi, il video in basso vuole far riflettere sull’importanza di questo software di fotoritocco in generi quali la fotografia di moda e pubblicitaria, dove le modelle devono essere perfette, più simili a un manichino che a un essere umano.
Dipende tutto da quello che si vuole fare e ottenere, io per esempio mi sto cimentando da qualche tempo nella fotografia di Microstock, vi assicuro che senza Photoshop non farete molta strada, ovviamente il discorso cambia se praticate fotografia di reportage o altri generi in cui è importante non alterare la realtà oltre un certo limite. Ma come ho detto prima non voglio iniziare un discorso filosofico su cosa sia la vera fotografia o su quali debbano essere i limiti del fotoritocco.

Buona visione e buona luce.

Oliviero Toscani, la storia e la fotografia di un fotografo fuori dagli schemi – Interviste

Questo articolo fa parte della Rubrica dedicata alla Fotografia.

In queste due interviste gli inizi, la storia, la fotografia e gli studi: Oliviero Toscani si racconta, condendo il tutto con le sue idee “fuori dagli schemi”. Protagonista della storia creativa italiana e internazionale da decenni, Toscani ripercorre alcuni degli step più importanti: dalle campagne Benetton, alla pubblicità di oggi.

Essere creativi oggi? Per Toscani le cose non sono così semplici! Creatività, lusso o pubblicità: Oliviero Toscani esprime le sue idee “poco convenzionali” in merito. Una chiacchierata a fiume con il fotografo italiano che ha cambiato il concetto stesso di comunicazione, creandone uno suo personale.


Oliviero Toscani – Prima intervista – parte 1



Oliviero Toscani – Prima intervista – parte 2



Oliviero Toscani – Seconda intervista