I 30 Second To Mars in concerto a Rock in Roma e a Torino nel 2014

Da bravi appassionati di musica rock e dintorni, seguiamo anche noi il grande Festival di Rock in Roma che, dopo l’annuncio dei Metallica come primi headliner la scorsa settimana, adesso ha svelato il nome di un’altra famosa band statunitense: i 30 Second To Mars, che tornerà a calcare le scene del Festival la prossima estate con un live che si terrà il 20 giugno. E non solo, perché il 19 giugno saranno anche al Palaolimpico di Torino, per la gioia di tutti i fans.

Il leader Jared Leto aveva già promesso, in occasione del Festival del Cinema di Roma, di riportare in concerto la sua band nella Città Capitolina. Proseguirà quindi anche nel 2014 il tour per promuovere l’album “Love, Lust, Faith and Dreams”, che lo scorso 2 novembre ha registrato un sold out al Forum di Assago a Milano. La location del concerto per il Postpay Rock in Roma è l’Ippodromo delle Capanelle, e i biglietti sono già disponibili presso i canali di vendita on line al costo di € 35,00 più i diritti di prevendita.
 
Annunci

I Metallica in concerto in Italia: "By Request Tour" unica data a Roma 1 Luglio 2014

Ne avevamo già parlato del grande Tour europeo che i Metallica avevano annunciato. Adesso però è stata confermata l’unica data italiana della band statunitense del “Metallica By Request Tour” che sarà a Roma il primo luglio all’Ippodromo delle Capannelle, all’interno del Post Pay Rock in Roma 2014 in collaborazione con il Sonysphere Festival.
Come si era anticipato, sarà un concerto molto speciale quello di Roma, poiché la band offrirà ai fans la possibilità di scegliere la scaletta del concerto. Infatti chi acquisterà il biglietto on line per tutte le date del tour europeo avrà l’eccezionale possibilità di votare fra i 140 brani dei Metallica. La setlist della band prevede 17 brani più votati ed un inedito, per un totale di 18 canzoni. Non solo votare, perché sul sito http://www.metallica.com si potranno seguire le votazioni dei brani e vedere in tempo reale la scaletta definitiva del concerto al quale assisteranno.
Il batterista Lars Ulrich dichiara “Siamo contentissimi di prenderci una breve pausa dalle quattro mura dello studio di registrazione per salire sui palchi e catturare l’energia degli amici europei per qualche settimana! In assoluto, il punto più importante del prossimo tour è che saranno i fans a decidere la scaletta che dovremo suonare ogni sera!” Ecco le informazioni l’acquisto dei biglietti: Fan club pre-sale: a partire dalle ore 10.00 di giovedi 5 dicembre fino alle ore 9.59 di venerdi 6 dicembre su http://www.metclub.com Vendita generale: dalle ore 10.00 di venerdi 6 dicembre

Tour in Europa dei Metallica

La prossima estate i Metallica saranno in tour in tutta Europa, e negli ultimi giorni sono state rese note le loro prime tappe, che saranno ai primi di giugno. Ancora in Italia non sono stati annunciati loro live, ma con molta probabilità la storica band statunitense avrà delle date anche da noi.
Per i più appassionati c’è la possibilità di seguire on line il loro concerto che si terrà l’8 dicembre nel Circolo Polare Antartico. Nel mentre i Metallica per le loro date europee hanno pensato di dare ai fan la possibilità di votare i brani che vorrebbero ascoltare durante i concerti ai quali assisteranno “Daremo a tutti i possessori dei biglietti la chance di votare i biglietti on line, e vi arriverà una mail con un codice e un link su cui poter esprimere le vostre preferenze”.
La scaletta dei Metallica in tour sarà formata da 18 canzoni per ogni tappa, e la band farà scegliere ai propri fan 17 brani, mentre una sola canzone sarà completamente inedita magari tratta dal nuovo album. “Potete votare tutte le vostre canzoni preferite tra le 140 che abbiamo realizzato in questi venti anni di attività, e per rendere ancora più divertente la competizione, daremo la possibilità a tutti voi di seguire in tempo reale l’andamento del voto attraverso il nostro sito ufficiale”.
Ricordiamo che i Metallica sono un gruppo thrash metal statunitense formatosi a Los Angeles nel 1981. Sono entrati a far parte nei “Big Four” del thrash metal insieme a Megadeth, Slayer ed Anthrax, grazie soprattutto alla velocità dei pezzi, tecnicismi strumentali e aggressività. Raggiunsero l’apice del successo nel 1986 con la pubblicazione di Master of Puppets. Nel 1991 con l’album omonimo arrivò il successo commerciale che portò la band al primo posto nella classifica Billboard 200, con cui grazie a sonorità più semplici ed orecchiabili, non si rivolgeva più al solito pubblico thrash. Con più di 100 milioni di dischi venduti, di cui solo 60 milioni solo negli Stati Uniti, la band è annoverata come una delle formazioni di maggior successo nella storia dell’Heavy Metal e del rock contemporaneo. Ecco le primi tappe del tour europeo: 4 giugno: Amburgo – Sonisphere Festival 6 giugno : Norimberga – Nurnburg Rock Im Park 8 giugno: Nürburgring – Rock Am Ring

Record Store Day: quando Bono ci mette lo zampino

Gli U2 sono usciti allo scoperto schierandosi a sostegno del Record Store Day, e come era facile aspettarsi non sono passati inosservati. L’evento che ha luogo in corrispondenza del Black Friday, è il giorno in cui, per gli americani, ha ufficialmente inizio lo shopping natalizio, e proprio in occasione di questa ricorrenza, migliaia di collezionisti di dischi in preda a raptus estatici si riverseranno come avvoltoi sui loro agognati trofei in policarbonato, nei negozi e negli web stores in cerca della loro occasione imperdibile.
Il RSD dopo il folgorante e inaspettato successo del 2012 quest’anno si terrà il 29 novembre, il giorno successivo al Giorno del Ringraziamento, che per tradizione cade il quarto giovedì di novembre; fin dall’alba del venerdì nero sarà possibile fare acquisti in ogni negozio di dischi aderente (anche on-line) a prezzi stracciati. La risposta non si è fatta attendere, e da quando si è sparsa la notizia di alcune illustri partecipazioni, le adesioni sono esplose in ogni dove. 
Non sono previste uscite di artisti italiani (forse dobbiamo inventarci un nostro Thanksgiving Day?), ma sul sito ufficiale è disponibile on-line il catalogo che contiene delle vere perle: edizioni rare e tirature limitate sono la promessa di artisti del calibro di Red Hot Chili Peppers, Queens of the Stone Age, Metallica, oltre a pubblicazioni speciali e inedite di “gente” tipo Jimi Hendrix, The Doors o Bob Dylan.  
A proposito di grandi uscite, gli U2 pubblicheranno proprio il 29 novembre un vinile contenente due pezzi: Breath e Ordinary love. Una bella notizia per i fan e anche per la band di Bono, la cui voglia sembra fortunatamente senza fine. Proprio Ordinary love l’avevamo già conosciuta grazie a un frammento presente nel trailer del film sulla vita di Nelson Mandela, che vi riproponiamo:
 

E’ difficile dire se quest’iniziativa possa riportare in auge il “prodotto musicale” non digitale, di certo però negli ultimi tempi si è ridestata l’attenzione su un supporto che sembrava destinato solo ad essere catalogato sugli scaffali dei collezionisti: il vinile. Si tratta ovviamente di casi non molto diffusi, soprattutto tra i giovanissimi, ma nonostante stiamo vivendo un’epoca in cui l’MP3 spopola sono ancora molti quelli che ancora amano la musica “da toccare”, e il Record Store Day riesce (almeno per un giorno…) a coniugare l’aspetto economico con il culto del giradischi.

Di Francesco Bonistalli

Deep Purple e Iron Maiden parteciperanno a un tributo a Jon Lord alla Royal Albert Hall di Londra

Il concerto tributo alla vita e alla musica del grande Jon Lord, leggendario tastierista dei Deep Purple, sarà tenuto il 4 Aprile 2014 alla Royal Albert Hall di Londra.
Gli artisti che hanno già confermato la loro partecipazione includono i membri dei Deep Purple: Ian Paice, Roger Glover, Don Airey e Steve Morse.
Anche il frontman degli Iron Maiden, Bruce Disckinson parteciperà al concerto insieme a Rick Wakeman, Joe Brown e Alfie Boe.
Inoltre l’evento verrà presentatato dal grande Bob Harris.
Jon Lord morì il 16 Luglio 2012 all’età di 71 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. Lord, che era conosciuto per i suoi virtuosismi alle tastiere e la sua reinvenzione dell’organo Hammond, coscrisse classici dei Deep Purple come “Smoke on the Water” e “Child in Time”. 
Lord e il batterista Ian Paice furono gli unici membri originali a restare nella band per tutto il primo periodo, dal 1968 al 1976. Egli fu presente anche per la reunion del 1984 e rimase coi Deep Purple fino al 2002, anno in cui si ritirò dalla band, e dopo il quale lavorò principalmente in campo classico.
Lungo il corso della sua carriera, Lord lavorò anche con Artwoods, Flower Pot Men, Paice, Ashton and Lord, Whitesnake, e il suo buon amico e vicino di casa, George Harrison.
In una recente intervista con Peter Makowski, il batterista dei Metallica, Lars Ulrich ha speso due parole su Jon Lord
Non sono sicuro che le persone nel mondo hard rock di oggi capiscano davvero quanto è stato innovativo quest’uomo. Non era semplicemente un altro tastierista messo lì, suo angolino del palco. Nel 66/67, quando Hendrix, Townshend e Ritchie Blackmore stavano portando la chitarra elettrica a un nuovo livello, usando muri di Marshall a rinforzare il suono, Jon Lord era uno dei primi ragazzi nell’hard rock a portare le tastiere verso una simile evoluzione. Prese uno strumento abbastanza ordinario come un organo Hammond, lo collegò ad amplificatori e casse Leslie e introdusse un modo completamente nuovo di far suonare le tastiere.
Ulrich continua:
Ritchie Blackmore ha detto l’altro giorno che Jon ha formato i Deep Purple; lui diede sicuramente la spinta iniziale affinchè tutto accadesse. Se non il leader musical, Jon era il leader spirituale della band. Era un pioniere, e penso che in qualche modo questa è una cosa di cui si parla poco negli ultimi mesi. La gente parla, giustamente, di quanto fosse un gentleman e di quanto fosse un fantastico membro della band, ma lui fece davvero qualcosa che nessun altro fece prima con il sound delle tastiere e penso che questa è probabilmente la più grande cosa per cui dovrebbe essere ricordato

Marco Barone

Se ti è piaciuto questo post seguici dalla nostra pagina facebook a questo link:Epì Paidèia – Giornale online di Arte e Cultura