I naufragi fotografati da John Gibson

Il National Maritime Museum di Londra ha recentemente acquisito una collezione fotografica che mostra diversi disastri navali durante il diciannovesimo e ventesimo secolo.

John Gibson (1827–1920), l’autore di questa collana, iniziò, alla fine del 1860, quello che sarebbe diventato un vero e proprio business fotografico per lui e la sua famiglia. La sua prima fotografia raffigurante un naufragio, risale al 1869.

Grazie all’insegnamento del padre, i suoi due figli, Alexander and Herbert, catturarono alcune delle immagini più evocative nella storia delle tragedie del mare. L’archivio delle immagini di Gibson fu costruito foto dopo foto in ben 125 anni (1872 to 1997), da quattro generazioni della famiglia.

Le immagini mostrate, Clicca qui per vedere l’archivio di Gibson, anche se narrano di un argomento tragico e ad oggi ancora attuale, sono un chiaro esempio dell’immenso potere della fotografia nel raccontare la storia, con emozioni, dolori, gioie e l’insieme di sensazioni che solo un breve istante “congelato per sempre” può trasmettere.
Annunci