Gli Anime alla conquista degli Oscar!

Che il rapporto tra Hollywood e Tokyo fosse diventato più forte in quest’ultimo decennio era chiaro, a partire da dati certi come l’Oscar alla Città Incantata di Hayao Miyazaki nel 2003, oppure anche parlando delle tanto vociferate trasposizioni cinematografiche di Dragon Ball o anche l’attesa (infinita?) per quella di Death Note; però ormai si è toccata una nuova meravigliosa vetta. 
L’ambitissima e temutissima “Academy” del Premio Oscar 2014 per la categoria “Miglior film d’animazione” sta prendendo in considerazione, su un totale di diciannove film, ben tre pellicole nipponiche: Kaze Tachinu (presente col suo nome inglese The Wind Rises) ennesimo capolavoro del sommo maestro Miyazaki, il terzo e conclusivo film della saga di Madoka, ovvero Puella Magi Madoka Magica The Movie – Rebellion, ed infine Una lettera per Momo, opera di Hiroyuki Okiura. 

Ovviamente tra tutti loro il grande favorito, considerando anche tutti i film che verranno presi in considerazione, è l’opera di Miyazaki, che segnerà il suo ritiro dalle scene (invochiamo tutti quanti l’Oscar alla carriera). Kaza Tachinu è già un grandissimo successo in Giappone: 120 milioni di Dollari al botteghino, nonostante qualche critica di troppo, ma di certo al cuore non si può comandare; naturalmente sarà presto disponibile nei cinema italiani distribuito da Lucky Red.

La vera sorpresa risiede, probabilmente, nella presenza del film di Madoka, che ha preso molti fan di soppiatto, probabilmente sottovalutando l’effetto e l’affetto che ruota attorno a tutta la saga. 
Diversamente dalla precedenti proiezioni cinematografiche, questa volta verrà proposta una storia totalmente inedita, dove vi sarà l’introduzione di una nuova ragazza magica
La sceneggiatura del film porta la firma di Gen Urobuchi, con alla regia il solito Akiyuki Shinbo aiutato da Yukihiro Miyamoto. Distribuzione italiana affidata alla Dynit.

Una lettera per Momo è un film già presentato nel Toronto International Film Festival del 2011, e parla della perdita del padre per la piccola Momo, che cercherà di superare questa terribile perdita aiutato da amici molto strani, cercando di vedere nuovamente la vita con un sorriso. 
Il film, come già detto, è a cura del regista Hiroyuki Okiura, con la partecipazione del Studio Pierrot e Production I.G.; si può già trovare sia come DVD che in Blu Ray, sempre a cura di Dynit.

Sicuramente tutto ciò è un motivo di vanto per noi, grandissimi amanti di un genere che sempre di più si sta sdoganando laddove, in passato, pareva impossibile aver successo. Questo successo è figlio soprattutto del lavoro dello Studio Ghibli e quindi, non fa male citarlo altre dieci volte, del maestro Miyazaki, vero simbolo dell’arte che più amiamo e che, anche solo per sfizio, sarebbe meraviglioso vedere ricevere nuovamente tutti gli onori che merita e che sempre meriterà. 

Alex Ziro
Annunci