Gigi Cifali e le piscine abbandonate del Regno Unito: quando il degrado architettonico nasconde quello sociale

Cosa succede ad un corpo in assenza di acqua? Semplice, muore. Ed è proprio quello che è successo a terme, piscine e lidi pubblici nel Regno unito. Dagli inizi del 1800 fino alla fine del 1930, questi luoghi erano l’emblema del benessere e della ricchezza, le piscine svolgevano un ruolo fondamentale nella vita sociale degli inglesi, erano il fulcro dei rapporti interpersonali, la gente si recava nelle piscine per fare amicizia, scambiare opinioni, parlare di politica e anche per ostentare il proprio benessere economico. Con l’avanzare del tempo, e con la nascita di nuovi luoghi di intrattenimento le piscine e le terme pubbliche persero la loro fama, sempre meno persone vi si recavano fino al loro completo abbandono, diventando persino luoghi inutili e antieconomici. Così, vennero svuotate dell’unica cosa che le manteneva in vita: l’acqua.
Gigi Cifali, artista italiano che ormai da lungo tempo risiede in Gran Bretagna, ha documentato con un reportage intitolato “Absence of Water “ la decadenza architettonica e sociale di questi luoghi. Gigi Cifali ha dichiarato :“La fotografia, per sua intrinseca natura è testimone della realtà, è il racconto istantaneo di un dato oggettivo, di un momento e di un luogo precisamente definiti nel tempo e nello spazio, estratti meccanicamente da essi per essere eternati. Nel tempo breve di uno scatto un luogo fisico si trasforma in luogo della memoria.”

Forest hill baths
London

Harpurhey baths
Manchester

Tudor grange pool
Solihull

Chadderton bath
Oldham

Eltham park lido

Fields Lido
London

Moseley baths
Birmingham

Soho Marshall pool
London

Victoria Baths
Manchester

Hornsey baths
London

Consuelo Renzetti
Annunci

Royal Baby, notizia che sa di Ancien Regìme. Perchè tanto interesse?

Noi crediamo che queste verità siano evidenti, che tutti gli uomini siano stati creati uguali, che siano stati dotati dal loro Creatore di alcuni inalienabili diritti, e che tra questi ci siano la Vita, la Libertà, e la ricerca della Felicità

Così recita la Costituzione degli Stati Uniti d’America nel suo apice di liberalità giusnaturalista. E non è difficile capire perchè i rivoluzionari delle Tredici Colonie abbiano deciso, più di 200 anni fa, di staccarsi dalla madrepatria britannica, dove la nascita di un bambino, benchè figlio della famiglia reale, sembra aver scatenato il giubilo più sfrenato. Crisi? Incidenti? Guerre? Carestie? Problemi sociali? Tutto dimenticato: la Gran Bretagna è diventato di colpo lo Stato più felice del mondo, in cui persino le forze armate sfilano sorridenti in onore del bambino, in cui si sparano 103 colpi di cannone, in cui si illumina Trafalgar Square di azzurro per il Royal Baby. Una mobilitazione del genere per un neonato non si vedeva dai tempi di Cristo…

Non si tratta di denigrare la casata, la notizia, l’evento in sè e per sè: la monarchia britannica è sempre e comunque un’istituzione importante a livello mondiale, e la nascita di un erede conferisce ancor più stabilità a una struttura che, seppur in vesti regali, è da sempre faro della storia europea,  Ma ci sembra ingiusto che, in un mondo sempre più sbilanciato, afflitto da problemi di una gravità inaudita, in cui bambini non royal muoiono di fame ogni giorno, l’attenzione dei media sia concentrata, ormai da più di due settimane, su un parto come ce ne sono milioni; che si debba sapere ogni dettaglio, peso, nome, colore, forma, dimensione di un bambino che, appena nato, è già Principe di Cambridge; che la curiosità morbosa della borghesia da ombrellone costringa chi fa del giornalismo il suo mestiere a parlare di pannolini regali e non del nostro futuro.

Non vogliamo fare demagogia spicciola, da bar; nostro unico obbiettivo è far riflettere voi lettori, ammorbati da un torrente di notizie sul Royal Baby, l’unico neonato con più news che giorni di vita. Ci sembra che l’atteggiamento della folla, assiepata sotto la clinica in cui Kate ha partorito, sia un salto indietro della civiltà di 2-300 anni, pre Rivoluzione Francese: plebe in piazza, regnanti sul balcone, nasi all’insù a guardare un piccolo principe, odiato e invidiato ancor prima di aver preso coscienza di essere al mondo. E, lungi dal voler ghigliottinare il piccolo Royal Baby, non vogliamo un nuovo 1789 per spiegare alla gente che i problemi sono ben altri, sopratutto in una fase così critica.

Roberto Saglimbeni