I colori dell’estate, Concorso fotografico – Dal 25 Giugno al 25 Luglio

In attesa che escano i risultati del fotocontest dedicato al ritratto, abbiamo pensato di lanciare quello dedicato all’estate.
PER PARTECIPARE

Ogni utente potrà postare una foto ed una soltanto caricandola direttamente sulla bacheca della fanpage del sito, la trovate a questo link: Epì Paidèia – Fanpage.

Durata del concorso fotografico a tema “I colori dell’estate”: dal 25 Giugno al 25 Luglioo

Alla tipica domanda sul metro di giudizio usato per la valutazione delle foto rispondo semplicemente citando Bresson: “Occhio, Mente e Cuore“.

IL PREMIO

I fotografi vincitori compariranno sia su questo sito che sulla fanpage di Marco Crupi che conta più di 17.000 iscritti (il suo è uno dei più seguiti blog di fotografia in Italia), le foto verranno raccolte in una galleria da mostrare alla comunità fotografica italiana e ogni foto potrà essere collegata col sito web/portfolio dell’autore.
Annunci

Film in uscita a Giugno 2013 pt. 2 – Rubrica Tutti al cinema!

Seguimi dalla pagina facebook: Cinema – News e Recensioni

La prima parte dell’articolo a questo link: Film in uscita nel mese di Giugno 2013 pt.1

Holy Motors
(Uscita in sala: 6 Giugno 2013)

Regia: Leos Carax
Nazione: Francia, Germania
Genere: Drammatico

Monsieur Oscar cambia esistenza in continuazione: scortato in limousine dalla misteriosa Celine, egli è uomo d’affari, mendicante, killer, vecchio morente, padre di famiglia in un teatro all’aperto straordinario come Parigi. 
Definito “il film rivelazione di Cannes”, Holy Motors è un interessante esperimento che, nell’epoca della sua fin de sieclé, riporta in vita le varie sfaccettature del cinema di genere. I modelli, indivieduabili nelle varie parti interpretate dal protagonista (Denis Lavant), sono Cocteau, Bertolucci, Kubrik, Browning e tanti altri protagonisti di una cinematografia morta, della quale resta soltanto “la bellezza della recita”. Strepitosa (a sentire le fonti più attendibili) la prova di Eva Mendes, attrice ancora in cerca di una vera e propria consacrazione; da sottolineare inoltre la presenza di Michel Piccoli (Habemus Papam) e di Kylie Minogue, celeberrima attrice e cantante.
Unico dubbio, la reazione dei botteghini di un film che si preannuncia “pesante” per il pubblico di massa.

Il fondamentalista riluttante
(Uscita in sala: 13 Giugno 2013)

Regia: Mira Nair
Nazione: USA, Gran Bretagna, Qatar
Genere: Thriller

Un giovane professore pakistano, un giornalista americano, un confronto tra due mondi. Sullo sfondo, l’11 Settembre e le sue conseguenze. Changez Khan (Riz Ahmed) era un giovane promettente: cooptato da uno studio newyorchese per le sue capacità nel campo della finanza, impegnato con la bella fotografa Erica (Kate Hudson)… poi quei due maledetti aerei sulle Twin Towers, e il protagonista si ritrova ad essere il diverso, l’odiato, l’emarginato.
Riprendendo tematiche già affrontate in passato, Mira Nair muove una critica feroce a un mondo occidentale del quale non condivide l’ipoteca sull’idea di civiltà. Come può la colpa di alcuni fondamentalisti ricadere su tutti? Quanto l’opinione pubblica incide sul nostro modo di intendere i rapporti personali? Interrogativi importanti per un film scomodo ma di certo da non perdere e del quale, andando a sensazione, sentiremo parlare molto nei prossimi mesi. 

Dream Team
(Uscita in sala: 20 Giugno 2013)

Regia: Olivier Dahan
Nazione: Francia
Genere: Commedia

Un ex calciatore caduto in disgrazia si offre di allenare una squadra di pescatori scapestrati, che partecipano a un torneo per vincere e salvare il lavoro. Commedia francese di buon livello, ripercorre il filone di film famosi come L’allenatore del pallone unendovi un tema sociale in pieno stile Goal! che tanto farà presa sul pubblico in tempo di crisi. 
La Francia non è nuova a imprese calcistiche: ricordate il Calais, club di dilettanti che nel 2000 arrivò in finale di Coppa? Solo da un paese che così bene riesce a mescolare l’anima volontaristica e l’elemento manageriale (PSG) del calcio ci si poteva attendere un film molto meno convenzionale di quanto possa sembrare all’apparenza. Anche qui vale quanto detto per Holy Motors: al di là del pubblico da commedia, sempre in cerca di belle storie che infondano ottimismo, quanti supereranno la ritrosia di un film sul calcio, vincendo la “sindrome” da Fuga per la vittoria? La sfida di Olivier Dahan con Dream Team sarà proprio dimostrare che il pallone è (ancora) aggregazione.

Film in uscita nel mese di Giugno 2013 pt.1 – Rubrica Tutti al cinema!

Seguimi dalla pagina facebook: Cinema – News e Recensioni

La seconda parte dell’articolo a questo link: Film in uscita nel mese di Giugno 2013 pt. 2

After Death – Dopo la fine del mondo

(Uscita in sala: 6 Giugno 2013)

Regia: M. Night Shyamalan
Nazione: USA
Genere:  Fantascienza
Il capitano Cypher Raige (Will Smith) e il figlio Kitai (Jaden Smith), rappresentanti di un’umanità futuristica trasferitasi su Nova Prime, si trovano catapultati sulla Terra in seguito a un incidente spaziale. Sul pianeta, abbandonato 1000 anni prima in seguito a delle catastrofi, la vita si è evoluta in modo ostile per gli esseri umani, tanto da costringere padre e figlio a una lotta senza quartiere per la sopravvivenza.

In un film che si preannuncia epico per effetti speciali, ambientazioni e tematiche, la coppia padre-figlio Smith regala una storia a metà tra “Il pianeta delle scimmie” e “Io sono leggenda“: niente di memorabile, certo, ma sicuramente un film gradevole, pieno di azione, che saprà regalarci due ore di coinvolgente divertimento. Da attenzionare, al di là delle prevedibili denunce ecologiste sottese alla trama, l’interpretazione di Jaden Smith che, a soli 15 anni, si trova già ad essere una star di Hollywood. Riuscirà a ripetere l’ottima interpretazione di “La ricerca della felicità” o continuerà sulla falsariga dei duetti con Justin Bieber? Alla Terra l’ardua sentenza.

The Bay
(Uscita in sala: 6 Giugno 2013)

Regia: Barry Levinson
Nazione: USA
Genere: Fantascienza

Una piccola cittadina della costa orientale è sconvolta da una catastrofe: l’acqua, fonte primaria per l’economia della comunità, presenta infatti altissimi tassi di tossicità. Pur di non turbare la quiete degli abitanti, il sindaco decide di far passare il tutto sotto silenzio: un errore che pagherà a caro prezzo, dato che un virus prenderà il controllo degli abitanti della città, trasformandoli in mutanti. 
The Bay affronta tematiche viste e riviste al cinema, sopratutto negli ultimi anni, e la sua rilevanza non sta infatti nella trama, bensì nella tecnica narrativa. Con una scelta affine a quella del celebre “Paranormal Activity” la storia si sviluppa in una concatenazione di filmati amatoriali, chiamate al 911, foto scattate dai cellulari, in una parvenza di realtà in prima persona che conferisce alla tragedia degli infetti una dimensione ancor più angosciante e cinematograficamente produttiva.
Il cast è composto per lo più da doppiatori alla loro prima esperienza dall’altra parte della cinepresa.

Paulette
(Uscita in sala: 6 Giugno 2013)

Regia: Jérome Enrico
Nazione: Francia
Genere: Commedia

Scordatevi ferri, calze e fiere del dolce: da Giugno 2013 le nonne di una volta lasciano spazio a Paulette, nuova “eroina” di una commedia destinata al successo. L’anziana signora (interpretata da Bernadette Lafont, già attrice-feticcio di Francois Truffaut) vive alla periferia di Parigi cercando di sopravvivere con la sua misera pensione, Poi, un giorno, l’idea: vedendo alcuni ragazzi intenti a spacciare intorno al suo palazzo decide di iniziare a vendere cannabis, sfruttando le sue doti di pasticciera per ampliare le potenzialità dell’attività. Il tutto in un susseguirsi di vicende comico-paradossali tipiche della commedia francese e rilanciate, recentemente, da “Quasi amici“.

Addentrandosi nel sottobosco di una Parigi non da cartolina, il quasi esordiente Enrico riesce a cogliere il senso buono e divertente del clima delle banlieues, scosse, in tempo di crisi, da esclalation di violenza e criminalità. E, in attesa di poter vedere la versione integrale, ci accontentiamo di un trailer dal quale si capisce il messaggio: se lo Stato manca, ci si arrangia…

Roberto Saglimbeni