John Wilhelm: il fotografo che manipola le fotografie e lo ammette tranquillamente

Il fotografo John Wilhelm sta creando composizioni brillanti con le foto da lui stesso scattate: i soggetti principali sono gli animali. Il lavoro di Wilhelm è una combinazione di capacità fotografiche e abilità di elaborazione delle immagini mista a un’incredibile fantasia.
Sono rimasto molto sorpreso dell’interesse che ha suscitato il mio lavoro. Le persone che vanno in giro per il mondo possono fotografare gli animali nelle loro condizioni naturali, mentre un maniaco del Photoshop come me può solo andare allo zoo. Faccio quello che faccio perché mi piace. Io non voglio infastidire i fotografi di “National Geographic”. Penso che la cosa più importante sia l’onestà, non voglio ingannare nessuno. Confesso apertamente che il mio lavoro consiste nel manipolare molte foto. Questo è il mio modo di vivere, un modo per liberare la mia creatività“- ha dichiarato il fotografo.

Se ti è piaciuto questo post seguici dalla nostra pagina facebook a questo link:Epì Paidèia – Giornale online di Arte e Cultura
Annunci

Un fotomontaggio che non è un fotomontaggio, di Bela Borsodi

Questa stupefacente immagine di Bela Borsodi è stata realizzata per la copertina dell’album di VLP “Terrain”.
In realtà le linee di variazione e le variazioni di colore tra i quadranti vengono da una composizione di oggetti fotografata realmente. Come ha fatto? Tutto frutto di un lavoro molto minuzioso.

Se ancora non ci credete, ecco la foto – scattata da una diversa angolazione – per dimostrarlo.
Ovviamente la realizzazione dello scatto richiede lo studio della posizione di ogni singolo oggetto.
E se volete vedere come lavora questo grande fotografo newyorkese, date un’occhiata al video del “making of” di seguito:
Come potete vedere nel video, le prove e gli errori sono più che necessari, misti ad una più che infinita pazienza e probabilmente ad una fotocamera collegata direttamente al computer per vedere l’immagine ingrandita.
Avete il coraggio di provare qualcosa di simile?
S. Alessandra Severino: Flickr