34 motivi per cui l’Australia è il posto più bello del mondo

Popolata dagli aborigeni per più di 40.000 anni, colonizzata dagli inglesi e oggi abitata da europei, asiatici, americani e africani. L’Australia è un paese multietnico ma fortemente severo per chi cerca di accedervi. Le regole per i turisti che arrivano da ogni parte del mondo sono rigidissime e gli australiani hanno le loro buone ragioni: l’Australia ha un ecosistema molto delicato e qualsiasi elemento estraneo potrebbe causare danni irreparabili. Grandi città lasciano spazio alla natura incontaminata, ed è proprio quest’ultima che vogliamo mostrarvi attraverso queste spettacolari foto!
Il Posto più bello al mondo? L’Australia, senza alcun dubbio! Non ne siete pienamente convinti? Allora date un’occhiata…

1 – Lake Hillier e la sua misteriosa acqua rosa

2 – L’acqua cristallina degli stagni di Piccaninnie

3 – The great ocean road… un panorama mozzafiato

4 – I dodici apostoli… divini!

5 – Katherin Gorge


6 – Le claustrofobiche insenature delle Blue Mountains 
7 – Le sculture naturali dell’Isola dei Canguri

8 – E…ovviamente i famosissimi canguri dell’Isola dei Canguri

9 – Whitsunday Island e la sua favolosa spiaggia

10 – La costa delle balene

11 – La foresta misteriosa

12 – Lord howe island


13 – La baia degli squali


14 – Uluru: il gigante di roccia


15 – I fiordi australiani


16 – Che vita frenetica che c’è nella barriera corallina


17 – Yarra ranges, un posto davvero poco ospitale…

18 – Cleft island, mai nome fu più azzeccato!

19 – Wilsons promontory, la penisola delle meraviglie

20 – La Tasmania e le sue opere d’arte

21 –  Uno splendido scenario nel Queensland

22 – Le Alpi australiane

23 – Il parco nazionale Glasshouse mountains

24 – Le imponenti colonne di dolerite di Tasman Island

25 – Il Canyon del re

26 – Le cascate del Parco Nazionale di Kakadu

27 – Wineglass Bay in Tasmania

28 – Le spiagge di Fraser Island

29 – La tropicale foresta pluviale di Daintree nel Queensland

30 – La Gold Coast

31 – La bellezza metropolitana di Sydney Harbour

32 – L’Alba sopra Brisbane

33 – E il tramonto a Perth

34 – E naturalmente l’entroterra Australiano!

Annunci

I meravigliosi scatti delle lucciole di Takaaki Ishikawa

Questi scatti spettacolari sono di Takaaki Ishikawa, fotografo di 55 anni che vive in Giappone e che ha ripreso per un mese la vita nelle foreste intorno alla città di Nagoya.
Attraverso scatti a lunga esposizione, con un diaframma chiuso è riuscito a ricreare questo strabiliante gioco di luci, grazie alle migliaia di lucciole presenti nella zona.
Takaaki, Yume Cyan per i social network (Yume significa “sogno” in giapponese), dice che la cosa più importante è rispettare e non disturbare le lucciole, in modo da integrarsi nel loro habitat e fare si che gli scatti sembrino quanto più naturali.

S. Alessandra Severino: Flickr

Vincitori concorso fotografico "La Primavera"

Ci scusiamo per il ritardo con cui sono usciti i risultati del fotocontest.
Dopo un’attenta analisi siamo giunti alla proclamazione delle foto vincitrici: poiché il livello era alto e i partcipanti numerosi abbiamo deciso di non fare il classico primo, secondo e terzo posto, ma di mettere in mostra le foto che più ci hanno colpito.
Personalmente penso che la fotografia non vada intesa come una gara in cui vince il migliore, sarebbe triste e riduttivo se fosse solo così. Voglio che prendiate questi concorsi fotografici organizzati da Epì Paidèia come un’occasione per socializzare con nuovi fotografi e imparare qualcosa dalle loro opere.
Qualcuno mi ha chiesto che metro di giudizio usassi, rispondo semplicemente citando Bresson “Occhio, Mente e Cuore”.
Detto questo godetevi le foto andando alla Galleria “‘La Primavera’ Vincitori Concorso Fotografico“, complimenti ai vincitori e a tutti i partecipanti, buona luce.

Timelapse "New Zealand landscapes", natura allo stato puro

I Timelapse seguenti sono stati realizzati nel giro di circa tre mesi (questo tipo di produzioni di solito richedono un anno di lavoro), i video sono in full HD 1080p e le foto sono state scattate in formato raw da 5630 × 3740 pixel. In entrambi i casi, il materiale utilizzato era costituito da una Canon EOS 5D Mark II con vari obiettivi Canon e un’apparecchiatura chiamata 6-foot stage zero dolly.
Godetevi questo viaggio idilliaco attraverso una delle terre più suggestive del pianeta, di una natura incontrastata ed inviolata, che regala tramonti emozionanti e cieli onirici. Lo specchio vero e proprio di un pianeta in continua evoluzione. Agenti atmosferici che modificano silenziosamente il paesaggio, costellazioni che cambiano lentamente, la natura che nasce, cresce e muore ciclicamente…

Una grandissima parte di quello che noi chiamiamo naturale, non è; anzi è piuttosto artificiale: come a dire, i campi lavorati, gli alberi e le altre piante educate e disposte in ordine, i fiumi stretti infra certi termini e indirizzati a certo corso, e cose simili, non hanno quello stato né quella sembianza che avrebbero naturalmente. ” 

Giacomo Leopardi 

S. Alessandra Severino: Flickr