12 anni schiavo – Il primo trailer italiano del film di Steve McQueen

Titolo originale: 12 Years a Slave
Uscita cinema: 20/02/2014
Genere: Drammatico
Paese: USA 2013
Sceneggiatura: Steve McQueen, John Ridley
Attori: Chiwetel Ejiofor, Michael Fassbender, Brad Pitt, Benedict Cumberbatch, Paul Dano, Sarah Paulson, Paul Giamatti, Lupita Nyong’o, Garret Dillahunt, Taran Killam, Michael Kenneth Williams, Alfre Woodard, Chris Chalk, Dwight Henry, Scoot McNairy, Adepero Oduye, Ruth Negga, Marc Macaulay, Marcus Lyle Brown, Liza J. Bennett
12 anni schiavo è la nuova attesissima pellicola di Steve McQueen, che uscirà in Italia il 20 febbraio 2014: il film è uno dei più accreditati agli Oscar e tra i più attesi della stagione 2014, dopo la vittoria dell’ultimo Festival di Toronto e dopo ben 7 candidature ai Golden Globe. Ad aver colpito la critica è stato il dramma autobiografico tratto dalla storia di Solomon Northrup, un rispettabile uomo di colore che nel 1800 venne rapito e venduto come schiavo in una piantagione del Sud, dove rimase per dodici anni. Il successo del film, oltre la convincente interpretazione del suo protagonista, Chiwetel Ejiofor, è definita da un cast stellare che vede presente Michael FassbenderBrad Pitt (nelle vesti anche di produttore), Benedict Cumberbatch, Paul Giamatti, Quvenzhane Wallis, Sarah Paulson, Paul Dano, Scoot McNairy, Garrett Dillahunt, Alfre Woodard, Dwight Henry, Michael K. Williams. Oggi è stato presentato il primo teaser trailer italiano del film, con immagini di grande impatto che non deludono le premesse riportate dalla critica straniera, speriamo che il film confermi queste grandi aspettative. 
Sinossi ufficiale:

Stati Uniti. Negli anni che hanno preceduto la guerra civile americana, Solomon Northup (Chiwetel Ejiofor), un nero nato libero nel nord dello stato di New York, viene rapito e venduto come schiavo. Misurandosi tutti i giorni con la più feroce crudeltà (impersonificata dal perfido mercante di schiavi interpretato da Michael Fassbender) ma anche con gesti di inaspettata gentilezza, Solomon si sforza di sopravvivere senza perdere la sua dignità. Nel dodicesimo anno della sua odissea, l’incontro con un abolizionista canadese (Brad Pitt) cambierà per sempre la sua vita. 

Annunci

X-Men – Giorni di un futuro passato, nelle sale a Maggio 2014.


REGIA: Bryan Singer. 

GENERE: azione, fantascienza. 
CAST: Jennifer Lawrence, James McAvoy, Michael Fassbender, Jason Flemyng, Hugh Jackman.
USCITA: 22 Maggio 2014. 
Tornano i mutanti più famosi di sempre, ma questa volta i protagonisti della trilogia incontreranno (e si scontreranno) con i loro stessi più giovani: X-men – Giorni di un futuro passato si snoda attraverso presente (successivo a X-men – Conflitto finale) e passato (successivo a X-men – L’inizio). Tra le altre cose, Magneto verrà accusato del delitto del presidente John Fitzgerald Kennedy nel 1963 (potrebbe esser stato proprio lui a guidare la pistola nella mano di Harvey Oswald). 
Il film è tratto dal fumetto omonimo di Chris Claremont e John Byrne, incentrato principalmente sui viaggi nel tempo dei mutanti. 
La regia torna monopolio di Bryan Singer, il quale ha diretto i primi due capitoli X-Men ed X-Men 2, rispettivamente del 2000 e del 2003. Molti attori del cast di X-men – L’inizio sono confermati (per esempio James McAvoy nel ruolo del professor x e Michael Fassbender nel ruolo di Magneto) ma, a causa della particolare natura della trama, che salta da un periodo storico ad un altro, si riunirà cast vecchio e nuovo (la prospettiva è di un lavoro alquanto impegnativo e costoso!) 
E per gli appassionati della saga non finisce mica qui! Nel 2006 è prevista l’uscita dell’ottavo capitolo X-men – Apocalypse, diretto anche questa volta da Singer, il quale comincerà a lavorarci, ha dichiarato, quando terminerà con le riprese di Giorni di un futuro passato. 
Attendiamo con ansia.


DOVE TROVARE I FILM DEGLI X-MEN AL MIGLIOR PREZZO


SE VUOI ACQUISTARE ALTRI FILM CERCALI SU AMAZON

Film in uscita a Dicembre 2013: parte 4

Bentornati, amici del Cinema! Anche oggi noi di Epì Paideia vogliamo condurvi alla scoperta dei film che, nei prossimi giorni, invaderanno le nostre sale. Nella puntata odierna vi presenteremo ben 8 titoli ma, prima di iniziare, vi ricordiamo i link delle parti precedenti di questa mini rubrica:

Puntata 1
Puntata 2
Puntata 3

Buona lettura!

LO HOBBIT – LA DESOLAZIONE DI SMAUG, di P. Jackson, con R. Armitage, M. Freeman, A. Turner, al cinema da Giovedì 12 Dicembre

Per un film preannunciato come l’evento dell’anno è difficile dare un consiglio diverso da “andate a vederlo!”. E, in effetti, dal trailer e dalle indiscrezioni l’ultima incursione di Peter Jackson nella Terra di Mezzo sembra avere tutte le caratteristiche che lo spettatore odierno può apprezzare in un’opera di fantasia: azione, avventura, epica, effetti speciali. Un po’ più delusi, al contrario, potrebbero essere i fan tolkeniani più accaniti che, libro alla mano, troveranno alcune discrepanze, su tutte la presenza di Legolas (Orlando Bloom) che non è né presente né nominato nell’opera cartacea. (Poco) male: Lo Hobbit – La desolazione di Smaug è nato per piacere e le splendide scenografie, unite a una storia comunque coinvolgente, che vedrà Bilbo Baggins entrare nella tana del drago per aiutare la comitiva dei nani a prendere possesso di Erebor, la Montagna Solitaria. Previste quasi 3 ore di film più che godibili, incassi da record e, magari, qualche nuovo lettore per i libri di Tolkien…

Da domani sarà distribuito in alcune sale italiane un’interessante opera del regista messicano esordiente Antonio Mendez Esparza, Qui e là. Il film tratta le tematiche della famiglia e della povertà partendo dalla storia di Antonio, un emigrante messicano che, tornato al suo paese, cerca di ricostruire il rapporto con la famiglia per la quale ha lavorato duramente negli USA e dalla quale è guardato con diffidenza e sospetto. Il film ha vinto il riconoscimento della Settimana della Critica a Cannes nel 2012 e, nel caso in cui fosse in programmazione vicino a voi, vi consigliamo senz’altro di andare a vederlo. Trattandosi di una produzione indipendente non vi sono, come è regola per questi film, attori di fama, tanto che, al contrario, molti personaggi non fanno altro che interpretares e stessi e la propria vita quotidiana davanti alla cinepresa.

STILL LIFE, di U. Pasolini, con E. Marsan, J. Froggat, K. Dury, al cinema da Giovedì 12 Dicembre

John May è un impiegato del Comune di Londra, addetto di un particolare ufficio (che non pochi, al giorno d’oggi definirebbero “spreco di soldi pubblici”): è l’angelo custode delle persone morte in solitudine, di cui si occupa negli ultimi momenti, nell’organizzazione delle esequie, nella ricerca dei parenti. Ma quando, complice un ridimensionamento degli uffici, viene licenziato, May vorrà sbrigare un’ultima pratica che lo riporterà al piacere di vivere. Film recensito positivamente all’unanimità, Still Life parla di senso civico e rispetto in un’epoca che trova difficoltà ad elevarsi dai più immediati bisogni materiali e riesce a trasmettere il suo messaggio in modo efficace e poetico. Da non perdere.

Tornando per un attimo a temi più leggeri, domani sarà nelle sale cinematografiche l’ultimo film di Pieraccioni, Un fantastico via vai. Protagonista è Arnoldo Naldi, uomo di mezz’età scaricato dalla moglie che ne approfitta per riprendere in mano la sua vita e va a coabitare con degli studenti universitari. Il film è gradevole ma non come i migliori del comico toscano e, in generale, appare come una caricatura del suo I Laureati (1995). Per chi volesse, in ogni caso, ridere in modo spensierato per circa 90 minuti e non trovasse niente di meglio sarà di certo un film gradevole.

PUSSY RIOT – A PUNK PRAYER, di M. Lerner e M. Pozdorovkin, con M. Alyokhina, N. Tolokonnikova, Y. Samutsevich, al cinema da Giovedì 12 Dicembre

Film-documentario destinato a far discutere sul controverso caso delle Pussy-Riot, le cantanti ribelli arrestate e poste sotto processo nel 2012. Come ricorderete, tre ragazze del gruppo furono fermate dopo che, il 21 Febbraio dello scorso anno, avevano inscenato una protesta sotto forma di preghiera alla Madonna, affinché liberasse la Russia da Putin. La regia segue da un lato la vicenda processuale della Alyokhina, della Tolokonnikova e della Samutsevich, che tanto scalpore fece all’epoca e continua a farne tutt’oggi, e dall’altro si interroga sulla situazione dei diritti delle minoranze “dissidenti” in Russia, strette da Putin e dalla Chiesa Ortodossa. 

MOLIERE IN BICICLETTA, di P. Le Guay, con F. Luchini, L. Wilson, M. Sansa, al cinema da Giovedì 12 Dicembre

Curiosa commedia alla francese, leggera al punto giusto che, sulla falsariga di Quasi Amici, si propone di replicare il successo di tanti fortunati predecessori. Protagonisti due uomini di spettacolo, l’uno in carriera, l’altro ritiratosi, che tentano di mettere in scena Il Misantropo. Tra amicizia e incomprensioni si inserisce Francesca, una donna che farà sfidare i due attori, parallelamente alla disputa per chi debba interpretare il loro ruolo preferito. Per chi apprezza il genere sarà di certo un buon film da trovare sotto l’albero.
Ad un occhio più disincantato l’opera di De Guay svelerà una non troppo celata critica al mondo dello spettacolo e ai suoi meccanismi, le sue finzioni, ma anche a una società che troppo spesso si muove come se tutti noi ci agitassimo su un palcoscenico, mascherandoci a vicenda le nostre reali intenzioni.

Concludiamo la puntata di oggi dandovi notizia dell’uscita, sempre a partire da domani, di due lavori natalizi: Il segreto di Babbo Natale e Lo schiaccianoci della Royal Opera House.

Roberto Saglimbeni

Godzilla e Jupiter: i trailer dei film in uscita nel 2014

Godzilla 
USCITA CINEMA: 15/05/2014 
GENERE: Azione, Fantascienza 
REGIA: Gareth Edwards 
ATTORI: Aaron Taylor-Johnson, Bryan Cranston, Elizabeth Olsen, Ken Watanabe, Juliette Binoche, David Strathairn, Victor Rasuk, Sally Hawkins, C.J. Adams, Richard T. Jones, Brian Markinson, Al Sapienza, Patrick Sabongui, Christian Tessier 

Il nuovo monster movie di Godzilla, il kaiju del cinema giapponese, protagnista di una seria di film dal 1954, torna al cinema e lo fa in maniera epocale nel nuovo film diretto da Gareth Edwards: l’impresa di riportare alla luce uno dei mostri più importanti del panorama cinematografico è ormai compiuta. Il film uscirà sui nostri schermi il 15 maggio 2014, oggi è stato pubblicato il primo trailer e dalle immagini il nuovo gigante, portato sullo schermo da Edwards, sembra richiamare l’originale Godzilla giapponese. 

Sinossi rilasciata dalla Warner Bros. Pictures: “Una rinascita epica per l’iconico Godzilla di Toho, quest’avventura spettacolare contrappone il mostro più famoso del mondo contro creature malevoli che, forti dall’arroganza scientifica dell’umanità, minacciano la nostra stessa esistenza”. 

Jupiter Ascending 
USCITA CINEMA: 28/08/2014
GENERE: Fantascienza
ANNO: 2014 REGIA: Andy Wachowski, Lana Wachowski
CAST: Mila Kunis, Channing Tatum, Sean Bean, Eddie Redmayne, Douglas Booth

Dopo Cloud Atlas ritornano alla carica Lana e Andy Wachowski, creatori di Matrix, con il nuovo film Jupiter Ascending. Oggi è stato pubblicato il primo trailer italiano del film, distribuito dalla Warner Bros, che uscirà nelle nostre sale il 28 agosto 2014

Prima sinossi ufficiale: Jupiter Jones (Mila Kunis) è nata sotto un cielo notturno, con i segni di un destino eccezionale. Ormai adulta, Jupiter sogna le stelle, ma la sua dura realtà è fatta di bagni da pulire e una sequenza infinita di sfortune. Quando Caine (Channing Tatum), un ex militare cacciatore di taglie geneticamente modificato, arriva sulla Terra per rintracciarla, Jupiter inizia a intravedere il destino che aveva tanto atteso : il suo DNA la indica come destinataria di una straordinaria eredità che potrebbe alterare l’equilibrio dell’Universo.

Blue Jasmine, la trasformazione di Cate Blanchett. Nelle sale dal 6 Dicemebre

Il 6 Dicembre tutti pronti: esce il nuovo film di Woody Allen, Blue Jasmine! In pieno ritmo (96 minuti di girato) e in pieno stile di Woody Allen, Blue Jasmine vede la nevrotica newyorkese Cate Blanchett, divorziata e oppressa dai fallimenti della sua vita,  far rotta dalla sorella.

La sorella è buona, brava e sempre snobbata dalla bionda di città. I presupposti sono quelli amatissimi dal regista ebraico, ma stavolta il nevrotico isterico non è lui, ma una donna. Il cast è come sempre stellare con Alec Baldwin, Bobby Cannavale e la già citata Cate Blanchett che ha già vinto un premio per questa performance.

Ecco come Woody Allen ha descritto Jasmine:
– “Fin dal primo minuto del film si evince che Jasmine è una donna persa. Il fatto che lei si ritrovi a parlare da sola è sintomo di chi ha dei problemi evidenti”.
Ed ecco invece come la descrive Cate Blanchett:
– “Jasmine è in ‘caduta libera’, e deve lasciarsi alle spalle tutte le sue certezze, e le sue aspettative. Sta per percorrere un cammino oscuro ed ignoto, trasferendosi da una parte della costa all’altra, passando da uno status ad un altro, e da una classe sociale ad un’altra. La sua grande attenzione all’aspetto esteriore, o a quello che i vicini potessero pensare di lei, probabilmente l’ha fatta cadere nello stato in cui si trova quando opta di trasferirsi a San Francisco. È fuggita perché si sentiva giudicata dagli altri. E’ ben consapevole di quella che è ormai la sua reputazione, ed il suo desiderio di controllare il giudizio altrui, creandosi un guscio esteriore di facciata, le fa invece capire chi è diventata realmente”

Lupin III, al cinema in live action nel 2014

Torna l’eroe più furbo e scapestrato di tutti i tempi e, questa volta, in live action
Lupin III uscirà nelle sale cinematografiche nipponiche nell’estate 2014, proprio pochi mesi dopo l’uscita di Capitan Harlock (1 Gennaio 2014). 
Per chi ne avesse bisogno, ricordiamo che il personaggio di Lupin III nasce nel 1967 dalla mano del mangaka Monkey Punch (ispiratosi al ladro gentiluomo dei romanzi di Maurice Leblanc) .
Il film racconta di come Lupin incontra e conosce l’ispettore Zenigata e quelli che diventeranno in seguito i componenti della sua banda.
Il cast è interamente composto da occhi a mandorla: Shun Oguri (che per interpretare il ruolo di Lupin ha dovuto perdere ben 8 chilogrammi!) , Meisa Kuroki (Fujiko) , Tetsujy Tamayama (Jigen) , Gou Ayano (Goemon) , Tadanobu Asano (Zenigata) ; il ruolo dell’antagonista di Lupin è interpretato dall’attore sud coreano, di fama internazionale, Kim Joon.
La sceneggiatura è di Mataichiro Yamamoto ed il regista, Ryuhei Kitamura, ha preferito dare un tocco di modernità al tutto; infatti, poco prima delle riprese, ha affermato: 
Intendo cambiare gli stessi personaggi per renderli moderni. Sarebbe un nonsense per Goemon esistere nella società contemporanea indossando abiti da samurai e girando con una katana”. 
Ci aspettiamo molto da questo film, forse perchè è completamente made in Japan e non lascia spazio alle opinabili rivisitazioni americane (sembra superfluo ricordare il fiasco di Dragonball Evolution!).
Il cast del film
DOVE ACQUISTARE “LUPIN III” AL MIGLIOR PREZZO


SE VUOI ACQUISTARE ALTRI ANIME E MANGA CERCALI SU AMAZON!

Film in uscita a Dicembre 2013: parte 2

Rieccoci alla nostra quotidiana rubrica sui film in uscita a Dicembre 2013! Da questa puntata inseriremo anche i trailer, in modo da farvi vedere ogni possibile anticipazione sui titoli qui recensiti. La puntata di oggi vede un’attesissima produzione estera, Blue Jasmine di Woody Allen, e due nostrane, Il sud è niente  e Italy Amore Mio.
BLUE JASMINE, di W. Allen, con Alec Baldwin, Cate Blanchett, Louis C. K., al cinema da Giovedì 5 Dicembre
La cinematografia di Woody Allen è ricca di contraddizioni, esperimenti, trionfi e fallimenti, ma l’ultimo lavoro, Blue Jasmine, appare destinato, senza ombra di dubbio, al successo. C’è un forte ruolo femminile, prediletto da Allen; c’è l’ampio utilizzo del monologo, che evidenzia la solitudine del personaggio protagonista; c’è l’elemento comico unito al tragico, in uno sguardo sociale ironico e grottesco tipico di quello che è spesso definito “il più europeo degli americani”. Ma la storia di Jasmine, che si trasferisce a San Francisco dopo la rottura con un ricco uomo d’affari, rompe gli schemi del cinema alleniano: è un mix di successo che, in fondo, ci parla di una crisi personale che si intreccia alle tante “crisi” che viviamo quotidianamente sulla nostra pelle. Fosse solo per il credito acquisito dal buon Woody nel corso della sua carriera Blue Jasmine è un film da vedere ad occhi chiusi (ops, aperti!) ma, a sentire le recensioni, dovrebbe riportarci ai fasti del miglior Allen che, a parte il suggestivo Midnight in Paris, manca dai tempi di Basta che funzioni (2009).

IL SUD È NIENTE, di F. Mollo, con Vinicio Marchioni, Miriam Karlkvist, Valentina Lodovini, al cinema da Giovedì 5 Dicembre

Girato dall’esordiente Fabrizio Mollo e finanziato da due giovani produttori francesi, il film si inserisce nel filone indipendente dell’opera di formazione. Protagonista è Grazia, ragazza in cerca d’identità che non riesce più a relazionarsi col padre, venditore di pesce di Reggio Calabria con la mafia al collo. Sulla famiglia grava il peso della morte di Pietro, fratello di Grazia, scomparso anni prima in modo misterioso. Sarà il confronto con Carmelo, giovane giostraio, a fare da sfondo alla crescita conflittuale di Grazia, fatta di silenzi e malinconia. Splendide le scenografie dello Stretto di Messina, luogo magico che ben si presta a una storia fortemente emotiva.

ITALY AMORE MIO, di E. Pasculli, con Eleonora Giovanardi, Sara Bertelà, Tiffany Ford, al cinema da Giovedì 5 Dicembre

Gli scarsi mezzi frenano l’ottima idea di Ettore Pasculli, che unisce il tema del ballo e del riscatto alle problematiche degli italiani di seconda generazione e della loro voglia di affermazione. Alina, giovane pizzaiola italo-rumena, riesce fortunosamente a entrare a far parte di una scuola di ballo e cerca di imporre il suo talento. Sulla sua strada troverà le simpatie di un insegnante ma anche le invidie delle compagne, che spesso sfocia in un malcelato odio razziale. L’intento sociale è chiaro, ma il film, complici evidenti limiti di budget che risaltano fin dal trailer, cade troppo spesso nella banalità di luoghi comuni da fiction del lunedì più che da grande schermo.