Letta su Twitter:"Abolito il finanziamento pubblico!"

Nell’era del postmoderno politico, è inevitabile che l’annuncio arrivi via Twitter. Sono circa le 10 quando Enrico Letta, presidente del Consiglio dei Ministri, cinguetta:”Avevo promesso ad aprile abolizione finanziamento pubblico ai partiti entro l’anno.L’ho confermato mercoledì.Ora in cdm manteniamo la promessa”, seguito a ruota da Angelino Alfano, ministro dell’Interno:”In CdM abbiamo appena abolito il finanziamento pubblico ai partiti. Per decreto. Impegno mantenuto!”. Al di là della discutibile grammatica del primo tweet, sopratutto se paragonato coi discorsi del passato, quest’annuncio rappresenta una pagina più che storica del nostro paese. In che direzione lo vedremo col tempo.

I PRO – I primi a rilasciare dichiarazioni sono ovviamente i membri del governo. Gaetano Quagliarello, fedele al metodo di maggioranza, scrive così in 140 caratteri:”E una e’ andata: abolito finanziamento pubblico dei partiti! Ora avanti con la riduzione del numero dei parlamentari”, allegando un infantile #eccoifatti. Ma, più in generale, la scelta di abolire una modalità di sostentamento ai partiti cui già bocciata dal referendum del 1993 è vista come la prima vittoria di Matteo Renzi da segretario del PD. Dice Lorenzo Guerini, portavoce del “Rottamatore”:”Possiamo dire di aver raggiunto un primo importante risultato. Sorprende come Grillo continui a parlare e basta, senza fare fatti”.

I CONTRO – Sul piano delle reazioni negative si registra, in prima battuta, proprio quella del leader M5S che, tanto per cambiare su Twitter, definisce “l’ennesima presa per il culo” il decreto, chiedendo inoltre al PD la restituzione di 45 mln di euro attribuiti al partito per le ultime consultazioni elettorali. Più razionale la replica di Altero Mattioli di Forza Italia:”Letta e co. annunciano questo provvedimento con grande gioia ma io diffido: senza finanziamento pubblico i partiti saranno alla mercé di investitori privati che condizioneranno le loro scelte in Parlamento”. Critico anche Brunetta, che la mette sul piano procedurale:”Facendo un decreto il Governo cestina le Camere e le loro prerogative”.

IL PUNTO – Tra opposte fazioni è giusto precisare alcuni punti di questa controversa vicenda. Il provvedimento di Letta entrerà in vigore non prima del 2018, in quanto l’attuale normativa prevede i rimborsi elettorali fino al 2017, e non cancella la possibilità dei cittadini di versare il 2 per Mille ai partiti. D’altro canto più che fondati sono i timori di una deriva della politica che, non più incentivata dallo Stato, deve necessariamente andare a vendersi a sponsor e magnati interessati al guadagno e non al bene comune: era questa la ratio della norma che, nel 1974, introdusse il finanziamento pubblico. Sull’altro piatto della bilancia troviamo, tuttavia, non solo il referendum abrogativo del 1993 (con conseguente reintroduzione nel 1994 sotto forma di “rimborso elettorale”) ma anche il sentimento di una popolazione scoraggiata dai tanti, troppi scandali della politica. Si può essere più o meno d’accordo con questo provvedimento, ma la cosa certa è che, se dovesse essere convertito in legge, esso ha il sapore di un’atroce sconfitta per la classe dirigente. E, speriamo, che la sua precoce adozione non sia una resa lettiana ai Forconi…

Annunci

Sardegna: il ciclone Cleopatra devasta l’isola. Diciotto morti e 2700 sfollati – FOTO e VIDEO

Olbia (Ansa)
La Sardegna è in ginocchio. Nella notte di ieri l’isola è stata investita dal ciclone Cleopatra, che ha riversato sul territorio sardo 450 millilitri di pioggia in sole 12 ore. Una vera e propria bomba d’acqua che ha investito tutta l’isola, da nord a sud, provocando enormi danni alla popolazione e alle cose. 
(Ansa)
Le vittime finora accertate sono diciotto, fra cui due bambini: di queste ben tredici sono state rinvenute nella provincia di Olbia, la più colpita dal nubifragio. 2700 sono gli sfollati, 500 i chilometri di strade provinciali danneggiate. Più di 10.000 persone non hanno la corrente elettrica. I disagi si avvertono lungo tutta l’isola. 
Il governo ha subito stanziato 20 milioni di euro per i primi aiuti. Il premier Enrico Letta è in viaggio verso Olbia, per visitare le zone colpite dal nubifragio. È stato indetto lo stato di emergenza e preannunciato l’invio di ulteriori aiuti all’isola, appena la situazione sarà più chiara. 
Nel frattempo, in Parlamento è scoppiata la polemica: il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando ha dichiarato che nei mesi scorsi, dopo alcune valutazioni, era stato “emesso un avviso indirizzato alla Regione in cui si indicava un’elevata criticità del rischio idrogeologico sui settori orientali e centromeridionali della Sardegna.” 
(Reuters)
Tale dichiarazione ha causato la reazione del capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, che ha assicurato che “il sistema di allertamento nazionale ha fatto il suo dovere” e ha minacciato che “chi ha lanciato false accuse ne risponderà”. Gabrielli ha sottolineato che il carattere eccezionale dell’evento ha reso impossibile un’opera di prevenzione adeguata. 
Angelo Cucca (AFP)
Molteplici le dichiarazioni di solidarietà dalle istituzioni: José Barroso, Papa Francesco, Giorgio Napolitano e Laura Boldrini hanno espresso messaggi di vicinanza alla popolazione sarda, al pari del presidente della Regione Ugo Cappellacci, anch’egli recatosi ad Olbia per parlare alla popolazione.
Di seguito alcune foto e video:

(Ansa)





Giovanni Zagarella

Concorsi truccati, indagati 5 ‘saggi’ di Enrico Letta

Riformare la Costituzione? Sì, ma attenzione a chi la affidiamo! Proprio nei giorni in cui si registra una netta ripresa di fiducia sulla durata del governo Letta, un duro colpo si abbatte sul processo di innovazione della Carta avviato dall’attuale esecutivo. I professori Augusto Barbera (Bologna), Beniamino Caravita (La Sapienza Roma), Giuseppe De Vergottini (Bologna), Carmela Salazar (Reggio Calabria) e Lorenza Violini (Milano), nominati nello scorso luglio tra i 35 della commissione per le riforme costituzionali, sono infatti finiti sotto la lente della procura di Bari col sospetto di aver truccato innumerevoli concorsi per assistenti e ricercatori. Insieme ai 5 nomi già citati sembrano essere coinvolti l’ex Garante per la Privacy Pizzetti e l’ex Ministro Bernini, in uno scandalo che sembra allargarsi sempre più.

I “saggi” in una foto di repertorio

Non si ferma dunque il malcostume nel mondo accademico: con il caso dei due professori di Messina sono già due gli scandali di questa settimana all’interno di un’Università pubblica in crisi su molti fronti. Di certo, ciò che rischia di arenarsi è un percorso di riforme per il quale Letta aveva indicato come data limite i 18 mesi e che, dati gli ultimi fatti, sembra destinato ad essere procrastinato. 

Finanziamento pubblico ai partiti, buon senso VS populismo: chi l’ha spuntata?

Segui la mia pagina Facebook: Globalmente

Vi avevamo già parlato della questione dei finanziamenti pubblici ai partiti, evidenziando come il sistema in vigore in Italia fosse marcio e da riformare, ma non da abolire completamente; a due mesi di distanza, e dopo la presentazione di un nuovo disegno di legge da parte del governo Letta, torniamo ad analizzare la situazione. Per vedere di capire chi, questa volta, abbia vinto l’eterna lotta tra buon senso e populismo.
Il ddl, approvato ieri dal Consiglio dei ministri, prevede l’abolizione graduale del finanziamento così come lo conosciamo, che scomparirà definitivamente nel 2016. Esso sarà sostituito da un sistema di donazioni volontarie, come ad esempio il 2×1000, accompagnate da forti detrazioni fiscali sulle donazioni effettuate dalle persone fisiche ai partiti. Sono inoltre previsti obblighi di trasparenza sulle donazioni: tutti i dati riguardanti gli introiti e le spese del partito dovranno apparire sul web. Per poter ricevere i benefici, i partiti dovranno rispettare dei requisiti minimi di democrazia interna.
Fortissime le proteste dei 5 Stelle, che avrebbero voluto una riforma con effetto immediato, e che contestano il fatto che saranno ancora i cittadini a pagare per la sopravvivenza dei partiti. Si parla già di “legge-truffa”, ma al tempo stesso i grillini rivendicano la vittoria di aver imposto la “loro” agenda all’attuale governo. Si sono schierati contro la riforma anche SEL ed alcuni esponenti del PD.
Giustizia è fatta, dunque. Come auspicato da una larghissima parte degli italiani, i finanziamenti pubblici verranno aboliti, i politici “ruberanno di meno”, e via discorrendo. “Voglio ringraziare i partiti perché è un passo che i cittadini aspettavano”, dice Letta, aggiungendo poi che questo disegno di legge serve a ridare “credibilità” alla politica. Il punto sta tutto in queste due frasi: questa riforma non segue alcun criterio pragmatico, non persegue alcun obbiettivo utile per la ripresa dell’Italia, né risolve una delle tante pecche del nostro Paese, che è in piena emergenza su più fronti. Il suo unico scopo è compiacere i cittadini, e tanto basterebbe per bocciarla senza mezzi termini.
Ma lasciamo da parte per un attimo questo dato, e analizziamo la riforma senza pregiudizi: come sempre, è bene guardare al di fuori dei nostri confini nazionali per vedere come la pensa il mondo in materia. In Europa solo Svizzera, Bielorussia, Ucraina e Malta non adottano finanziamenti pubblici. In tutto il mondo, essi sono previsti dal 75% degli Stati: tra quelli che non lo elargiscono vi sono principalmente Stati africani, mediorientali e sudamericani. Tutti sistemi culturalmente e politicamente lontanissimi dal nostro.
Obama ad un incontro con l’AIPAC, la lobby filo-israeliana
Abbiamo già elencato i rischi della politica data in mano ai privati. Rischi concretissimi, che negli Stati Uniti sono realtà. Non abbiamo, però, parlato del sistema partitico statunitense, e di come esso permetta e renda “giustificabile” un sistema di finanziamenti quasi esclusivamente privati. In America, i partiti di massa sul modello europeo non esistono. Il partito democratico e quello repubblicano non sono nient’altro che meccanismi di selezione dei candidati, tanto a livello locale quanto a livello nazionale. Scordatevi le sedi dislocate sul territorio, i circoli, le tessere e quant’altro: il momento politico statunitense si consuma tutto nella scelta del candidato, e nel voto elettorale. Al contrario, in Italia i soldi pubblici servono a finanziare la presenza territoriale e permettono lo svolgimento di una moltitudine enorme di attività. È chiaro quanto profonde siano le differenze tra i due Paesi.
Un sistema di finanziamenti privati obbligherebbe l’Italia a rivoluzionare il suo intero sistema politico. La politica diventerebbe estremamente elitaria. Sarebbe anche una svolta verso il presidenzialismo, una forma di governo che ha dimostrato di poter funzionare soltanto negli Stati Uniti (pur vivendo tra mille contraddizioni), per ragioni storiche e culturali: gli altri Stati che lo hanno adottato sono spessi caduti vittime di svolte autoritarie (un esempio su tutti è quello russo), e in tutti si è costruita una politica fortemente individualistica, che taglia fuori i cittadini da ogni forma di partecipazione che non sia quella del voto. 
È davvero questo quello che vogliamo? Bisognerebbe invece operare per mettere in pratica definitivamente l’art. 49 della Costituzione, che sancisce il diritto di tutti ad associarsi in partiti per determinare la politica nazionale. Dare ad ogni organizzazione politica e ad ogni cittadino gli spazi per esprimersi, magari risarcendo le spese elettorali dei partiti arrivati in Parlamento (sistema attualmente in vigore in Germania). Le riforme non vanno mai fatte per compiacere dei cittadini stanchi e frustrati: in questo modo non si fa il bene del Paese. Dare un “contentino” al popolo è un modo populista e raffazzonato per guadagnare consenso e restare attaccati alla poltrona, infischiandosene delle vere emergenze e delle vere necessità di un popolo stremato dalla crisi, e lasciato per troppo tempo solo dalla sua classe politica.

Giovanni Zagarella