Un blog sul ladro del suo smartphone

Avere uno smartphone costoso è ormai diventato cosa comune. Cosa si fa se non si hanno i mezzi? Alcuni decidono di tenersi il vecchio cellulare, altri di ripiegare su modelli più accessibili e i più temerari pensano bene di prenderlo a chi ce l’ha. In quest’ultimo caso chi viene derubato cerca di recuperare il telefono, denuncia il furto, si avvilisce per la perdita di un oggetto costoso. Qualche volta, però, se la reazione è attutita da una buona dose di ironia, si può dare vita ad un vero fenomeno del web.
Life of a stranger who stole my phone è, infatti, il blog di Tumblr messo su da una ragazza vittima di furto che ha avuto accesso alle foto del ladro grazie al servizio Dropbox – che carica direttamente le foto – attivo sul cellulare e che lui non aveva disattivato.

Tutto ha avuto inizio ad Ibiza, quando la proprietaria del telefono, una ragazza tedesca, si stava godendo la vacanza nuotando ubriaca con i suoi amici. In quel momento buona parte dei loro oggetti personali venivano rubati.

Di ritorno in Germania la ragazza ha scoperto 15 nuove foto provenienti dal suo telefono. Eccolo lì Hafid, ragazzo di Dubai, che aveva approfittato della distrazione decidendo di regalarsi un nuovo cellulare.
Le foto lo ritraggono in pose decisamente convenzionali. Lui davanti ad un monumento, davanti ad una macchina, tra amici, o ancora impegnato a venire bene nelle selfies.
Ogni foto, caricata sul blog, è accompagnata da una didascalia. Le vicende di Hafid e i suoi amici dai nomi stereotipati vengono introdotte da un “Salam!”; tutto è presentato con tono serio, quasi da documentario, ovviamente con un’ironia assolutamente divertente.
Il blog ha subito ricevuto una grande quantità di visite, raggiungendo, in pochi mesi, un numero altissimo di follower.
Annunci

Dubai come non l’avete mai vista, grazie a Daniel Cheong

Molte volte, durante le nostre uscite fotografiche, ci ritroviamo a lamentarci di condizioni meteo non ideali per le fotografie che abbiamo in mente. Ciò di cui non ci rendiamo conto, invece, è che anche quando il clima è diverso da quello sperato ci sono una infinità di occasioni fotografiche a nostra portata e che è necessario allenare costantemente l’occhio per riconoscerle.

Chi non ha bisogno di fare esercizio è certamente Daniel Cheong, un esperto di telecomunicazioni ed affermato fotografo originario delle Mauritius che ha fatto dell’uso creativo del meteo un suo segno di riconoscimento. Tra le varie immagini che potete visionare sul suo profilo 500px o Flicker, oggi ve ne proponiamo due che permettono di apprezzare Dubai come non l’avete mai vista. In entrambi i casi, l’uso sapiente della tecnica HDR (High Dynamic Range) e della composizione hanno consentito di catturare l’affascinante città degli Emirati Arabi Uniti in una maniera così originale che viene difficile associarla all’arido clima della regione. Grazie a Cheong, vediamo l’inospitale deserto trasformarsi in un’oasi di vita illuminata dal basso ed ammantata da un velo di nebbia.

Entrambe le immagini sono state scattate con una Nikon D800 e mostrano come, insieme alla tecnica fotografica, la scelta di un punto di vista fuori dal comune contribuisca enormemente alla riuscita di uno scatto, sia esso un paesaggio naturale o cittadino.
E voi come vi comportate quando vi ritrovate a fotografare in condizioni meteo diverse da quelle che avevate in mente? Raccontatecelo lasciando un commento usando il box più in basso o condividete le vostre fotografie scattate con un meteo avverso!
Daniele è fotografo e fondatore dello Studio Fotografico inFocus di Roma. Se volete saperne di più sulle attività ed i corsi organizzati dallo Studio inFocus visitate il sito www.studioinfocus.it oppure mettete “Mi piace” alla pagina Facebook per rimanere facilmente aggiornati sulle attività e sui contenuti pubblicati regolarmente sul sito dello Studio inFocus!