Film in uscita a Dicembre 2013: parte 1

Le festività natalizie sono uno dei periodi migliori per andare al cinema e, non a caso, è proprio sotto l’albero che, il più delle volte, si trova il più ampio pacchetto di film in uscita. In questa mini rubrica in   più parti vi presenterò i 33 titoli in uscita a Dicembre 2013, divisi in blocchi da 3, in modo da far trovare a ognuno di voi il suo film per le vacanze!
INDEBITO, di A. Segre, con Vinicio Capossela, Theodora Athanasiou, Giorgis Christofilakis, al cinema Martedì 3 Dicembre. 
Vinicio Capossela più che un artista è un poliedro indecifrabile, sempre uguale e sempre diverso, sempre pronto a sorprenderci con una sfaccettatura che non conoscevamo e che testimonia la sua incredibile dimensione di genio a tutto tondo. Così, questa volta, lo ritroviamo sulle strade della Grecia della crisi alla ricerca di un genere musicale popolare, il rebetiko. “Dal turco rembet, che significa dei bassifondi, nasce questa musica popolare che incita alla vita e alla ribellione. Se gli uomini capissero che si vive una sola volta e mai più, non passerebbero il loro tempo come lo passano” sussurra l’evocativa voce di Capossela nel trailer. Il film, o per meglio dire il documentario, ha il merito di mostrarci il lato oscuro del mondo greco e, giocando sul termine “Indebito – in debito”, farci riflettere su quanto l’ossessione capitalistica (e, diciamocelo, europeistica) per il denaro stia cancellando il nostro debito nei confronti della cultura greca. Sarà al cinema solo per una sera, non perdetelo! 
DIETRO I CANDELABRI, di S. Soderbergh, con Michael Douglas, Matt Damon, Dan Akroyd, al cinema da Giovedì 5 Dicembre

La regia di Soderbergh è sempre garanzia di spettacolo e qualità e, in questo ultimo lavoro, il regista americano di origine svedese fa godere lo spettatore di quel suo particolare gusto per lo show già evidente in lavori precedenti come la serie di Ocean’s e Magic Mike. La storia è quella di Lovelace, uomo di spettacolo degli anni ’50, ’60 e ’70 e del suo amore omosessuale con Scott Thorson, interpretato da un Matt Demon ringiovanito da una parrucca bionda. Una storia che si preannuncia drammatica e divertente allo stesso tempo e che, come Milk, esplora le difficoltà di essere omosessuali nell’America degli anni ’70, in cui fare outing era tabù tanto quanto oggi è di moda.  L’opera è stata presentata lo scorso maggio a Cannes, ma non ha visto, negli USA, una distribuzione cinematografica (solo un passaggio televisivo) perché, a detta di Soderbergh, “era una storia troppo gay per gli Studios”.

BATTLE OF THE YEAR – La vittoria è in ballo, di B. Lee, con Josh Holloway, Chris Brown, al cinema da Giovedì 5 Dicembre

Classica favola americana sul riscatto di un ex allenatore (di basket) che vuole condurre alla vittoria una squadra americana alla Battle of the Year, la più importante competizione di break dance al mondo. Un po’ Never Back Down, un po’ High School Musical, il film punta sull’agonismo e sul ritmo trascinante del ballo, sacrificando, logicamente, la sceneggiatura e la trama. Favola simpatica, coinvolgente e scontata che farà da comparsa negli schermi natalizi, stretta nella morsa di una concorrenza spietata. Più in generale il film  è uno spaccato della cinematografia sportiva americana, rimasta ferma ai tempi del celeberrimo Miracle ma non in grado di raggiungere le stesse vette di pathos e lirismo.

A domani per la prossima puntata! In programma Blue Jasmine, di W. Allen e due produzioni nostrane: Il sud è niente e Italy amore mio.

Annunci

Jobs, ‘l’imitazione’ di Kutcher salva il film che ha deluso tutti

Steve Jobs, il genio, il visionario, l’emblema del progresso degli ultimi decenni, rivive nel nuovo film diretto da Joshua Michael Stern ed interpretato da Ashton Kutcher. Il film, già stroncato dalla critica straniera, riesce a deludere anche il pubblico italiano o, quantomeno, i fanboy Apple, che si aspettavano qualcosa di più. La trama del film è basata sulla vita di Jobs, concentrandosi soprattutto sugli anni della giovinezza, dell’università, sulle idee, sulla voglia di affermazione e sulla scalata al successo. Il film si mostra in una superficie molto fragile, partendo da una fotografia piatta e “fasulla”: non convincono la vita degli studenti universitari hippy, il montaggio da soap opera, gli sbalzi temporali senza alcun nesso logico. Il film non è, insomma, in grado di mostrare le vicende professionali che hanno caratterizzato la vita di Jobs, né i rapporti umani instaurati nel corso della sua vita, che possono essere percepiti leggendo a fondo la biografia ufficiale, scritta da Walter Isaacson.

Il film, che doveva puntare sulla biografia di Steve Jobs, non da rilievo ad alcune menti che furono il fulcro essenziale della fondazione della Apple I: su tutti il grande Wozniak (interpretato da un valido Josh Gad), qui mostrato come una specie di artigiano provetto succube dello stesso Jobs. Il computer, che fu inventato da Wozniak, permise ad una mente intuitiva come quella di Jobs di commercializzarlo, dando vita ad un loro mercato. Vi sono poi altri importanti avvenimenti non approfonditi come lo sviluppo dell’Apple Lisa e dell ‘Apple Macintosh, delle dimissioni irrevocabili di Jobs dall’azienda che aveva fondato, fino alla fondazione della NeXT Computer: il film rimane come sospeso senza far riferimento a situazioni come l’acquisto della Pixar dalla LucasFilms, fino all’acquisizione della NeXT da parte della Apple o i drammi che coinvolsero la vita personale del protagonista

Quello che può rimanere di un film come Jobs, contornato da una serie di flashback senza logica, è il carattere, la determinazione e l’uomo che era Steve Jobs. Quasi un fanatico del controllo, un perfezionista, un negriero nei confronti dei dipendenti, un folle che amava dire: “le persone così pazze da pensare di cambiare il mondo, sono quelle che lo cambiano davvero”.

E’ solo l’interpretazione o imitazione dell’attore Ashton Kutcher a dare un senso all’opera: la sua camminata, il suo sguardo, la sua folle somiglianza. Ashton, che ha dichiarato la sua difficoltà nel rappresentare un uomo come Jobs, scomparso, ma sempre vivo nella memoria di tutti, va in fondo alla ricerca dell’essenza del personaggio e ci riesce.
Ha studiato i suoi atteggiamenti, i tic, il suo essere uno showman, ma anche un uomo ferito, un uomo che o si ama o si odia.

Il film, nella sua incompletezza, spinge ad osare, e lo fa mostrandoci l’essenza di Jobs che non ha mai smesso di pensare alle esigenze della gente, rinunciando a tanto, o forse a tutto.

Voto 6/10
Stefania Sammarro

Cinema: Storia, Teoria e Grandi Registi in un solo posto

Seguimi dalla pagina facebook: Cinema – News e Recensioni

Oggi vi proponiamo un canale Youtube molto interessante e che sicuramente molti di voi apprezzeranno. Parlo di Critica Morta: il nostro amico Mark Bistolfi, che ha studiato per diversi anni Cinema, ci parlerà dettagliatamente di quest’arte partendo dalle origini fino al cinema contemporaneo. Il tutto condito da riferimenti bibliografici che sono messi a disposizione dello spettatore, a fine video o in descrizione, in modo tale che noi stessi possiamo giungere alla fonte dell’informazione, e perché no, farci anche una nostra opinione.

Lo stretto legame con fonti letterarie auterovoli dà un salutare taglio accademico ai suoi video, ma tranquilli, non si cade nel noioso o nel tecnicismo più spinto: agli amanti del cinema risulterà estremamente interessante, il linguaggio usato è molto ”user friendly”, i riferimenti sono anche visivi.

Infatti vi è un buon compromesso per quanto riguarda il registro linguistico, e anche argomenti come per esempio il precinema, tema che generalmente viene ignorato o quasi dalla stragrande maggioranza, vengono trattati egregiamente, con passione e serietà.
La gente è convinta che la bellezza sia un qualcosa di soggettivo, ma non potrà mai essere assolutamente soggettiva, la bellezza artistica è oggettiva, universale. Lo spettatore, l’utenza deve essere abituata al bello: solo se si viene abituati ad esso si potrà uscire da sterili soggettivismi dovuti a fanatismi o alle mode del momento. Per far ciò cosa c’è di meglio se non venir direttamente a contatto con la bellezza? Ma da sola non basta, infatti deve essere accompagnata dal confronto con gli altri, quale miglior confronto se non quello con i critici e coloro che hanno speso tempo e libri a riguardo? 
L’intento del suddetto canale non è soltanto divulgativo ma anche di confronto, che può avvenire nei commenti al video stesso e nei modi che conosciamo.
Critica Morta è un canale nato in pochissimo tempo ed è ancora in via di sviluppo. Al canale collaborano anche altri ragazzi assieme a Mark che lo aiutano nel suo lavoro (riferimenti ecc.), l’impegno per poter creare del materiale che sia valido e alla portata di tutti c’è.
Credo che sia uno di quei canali da aggiungere alla propria lista da seguire, assieme a Licaoni e MrRegy68 (per saperne di più leggi anche “Youtube: non solo Willwoosh”)
-Köröshi