Più libri più liberi: la fiera di Roma dedicata alla piccola e media editoria

Nei giorni tra il 5 e l’8 dicembre 2013 tornerà Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, ospitata anche nella sua dodicesima edizione dal Palazzo dei Congressi di Roma, zona Eur.
Come suggerisce il nome della manifestazione, questi quattro giorni permetteranno a piccoli e medi editori di avere la visibilità che, purtroppo, difficilmente riescono ad ottenere in questo affollato e competitivo campo.
È stata organizzata dalla Associazione Italiana Editori e darà luogo ad un gran numero di appuntamenti concentrati sì sull’editoria, ma che spazieranno anche verso altri ambiti culturali, come quelli della musica, del cinema e delle creazioni digitali, passando anche per il campo giornalistico e politico.
Vantando la presenza di nomi come Niccolò Ammaniti, Erri De Luca, Andrea Camilleri, Concita De Gregorio, Paolo Virzì, Zerocalcare, Max Pezzali, nonché Walter Veltroni e Stefano Rodotà, a rappresentare queste arti sarà una lista sconfinata di ospiti illustri – italiani e internazionali. L’evento sarà arricchito, poi, da attrazioni che si dispiegheranno con il coinvolgimento dei visitatori, sia grandi che piccini, in laboratori, incontri, mostre e tanto altro.
Per scoprire le novità e il programma, Più libri più liberi ha organizzato una conferenza che si terrà martedì 26 novembre alle ore 11,30 presso la Sala Cinema del Palazzo delle esposizioni (ingresso via Milano 9/A).
Fondamentale per la riuscita del progetto sono numerose Istituzioni nazionali e locali che offrono sostegno e agevolazioni.
Annunci

La strada degli scrittori: quando la letteratura diventa una realtà culturale e non solo

La letteratura diventa una realtà culturale e turistica concreta grazie al progetto intitolato “La strada degli scrittori”, inaugurato pochi giorni fa a Racalmuto dal Ministro dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo Massimo Bray: trenta chilometri di cultura da Racalmuto, appunto, a Porto Empedocle, passando per la Valle dei Templi ed il giardino di Kolymbetra ad Agrigento, per visitare le case natali ed i luoghi frequentati da Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia ed Andrea Camilleri, per riscoprire e rivivere l’incanto dei paesaggi descritti nelle opere di questi tre grandi autori siciliani, respirando gli odori indimenticabili ed assaporando i profumi intensi di una terra magica come la Sicilia.
Unico obiettivo: la valorizzazione di alcuni luoghi spesso sottovalutati o dimenticati, nonché una grande opportunità che può servire da esempio per la crescita del nostro Paese, nell’orbita di un itinerario turistico consapevolmente costruito sulle tracce della letteratura.

La Regione Siciliana, in collaborazione con altri Enti, ha aderito al progetto, che si spera possa via via svilupparsi al meglio; è, tuttavia, innegabile che si tratti di un’iniziativa interessante, che intende anche coinvolgere molti giovani in cerca di lavoro, mettendo in moto un circuito di vere e proprie attività imprenditoriali in piccoli e grandi centri della Sicilia.