La strada degli scrittori: quando la letteratura diventa una realtà culturale e non solo

La letteratura diventa una realtà culturale e turistica concreta grazie al progetto intitolato “La strada degli scrittori”, inaugurato pochi giorni fa a Racalmuto dal Ministro dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo Massimo Bray: trenta chilometri di cultura da Racalmuto, appunto, a Porto Empedocle, passando per la Valle dei Templi ed il giardino di Kolymbetra ad Agrigento, per visitare le case natali ed i luoghi frequentati da Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia ed Andrea Camilleri, per riscoprire e rivivere l’incanto dei paesaggi descritti nelle opere di questi tre grandi autori siciliani, respirando gli odori indimenticabili ed assaporando i profumi intensi di una terra magica come la Sicilia.
Unico obiettivo: la valorizzazione di alcuni luoghi spesso sottovalutati o dimenticati, nonché una grande opportunità che può servire da esempio per la crescita del nostro Paese, nell’orbita di un itinerario turistico consapevolmente costruito sulle tracce della letteratura.

La Regione Siciliana, in collaborazione con altri Enti, ha aderito al progetto, che si spera possa via via svilupparsi al meglio; è, tuttavia, innegabile che si tratti di un’iniziativa interessante, che intende anche coinvolgere molti giovani in cerca di lavoro, mettendo in moto un circuito di vere e proprie attività imprenditoriali in piccoli e grandi centri della Sicilia.
Annunci